Attualità Calabria

Bloccati i traghetti a Villa San Giovanni

Lavoratori della mobilità in deroga e dei Vigili del Fuoco, stanno occupando da questa mattina Villa San Giovanni, con blocco dei traghetti e disagi.

In questo momento, una delegazione di lavoratori della mobilità in deroga, unitamente ad una rappresentanza della USB, è in riunione con il Prefetto di Catanzaro, mentre un’altra delegazione dei Vigili del Fuoco è stata convocata a Roma dall’on. Fiano, che ha presentato una risoluzione per l’assunzione dei precari dei Vigili del Fuoco.

Di seguito i due comunicati stampa sulla manifestazione.

COMUNICATO STAMPA – Mobilità in deroga
blocco usb
blocco usb

“Lavoratori calabresi alla fame per la cessazione delle erogazioni delle mensilità e il trasferimento dei nostri fondi alle politiche attive…

I lavoratori in mobilità in deroga della Calabria, sono scesi in piazza oggi 15 febbraio perché non ne possono più di questa politica fatta solo di annunci e perché sono delusi, umiliati, arrabbiati e ridotti alla fame. Questi lavoratori sono in piazza oggi, manifestando agli imbarcadero di Villa San Giovanni, per portare l’attenzione su circa 28.000 famiglie alle quali viene negato il diritto alle mensilità.

La Regione Calabria si “rifugia” dietro decreti o “decretini”, nei quali, però, si dice che il diritto a percepire tali mensilità cessa dopo i 36 mesi, mentre, invece, i lavoratori che sono oggi in piazza e che hanno perso il lavoro, sono fermi a 10/18 mensilità! Tutte le regioni del sud Italia sono svantaggiate, ma in Calabria il nostro governatore ha deciso di dirottare i soldi di questi lavoratori, verso le politiche attive e i tirocini, per far entrare e favorire, come al solito, amici e parenti, pensando che noi stiamo a guardare!!

Malgrado le rassicurazioni, infatti, la regione Calabria sta per decidere l’esclusione definitiva dal diritto a percepire tali mensilità, anche dei lavoratori che avevano già percepito nove, dieci, undici mensilità, essendo andati in mobilità in deroga durante l’annualità 2013!

blocco usb
blocco usb

Complici le organizzazioni sindacali cgil-cisl-uil, che con dopo un accordo sottoscritto con la regione Calabria, hanno dichiarato loro stessi: “non ci saranno più mensilità per gli aventi diritto ed i fondi saranno dirottati alle politiche attive”. E’ bene ricordare, tra l’altro, che tali politiche non sono mai state attuate da quando questa amministrazione regionale si è insidiata presso la cittadella! Tutto questo mentre i cittadini, per mancanza di lavoro, lasciano la nostra regione magari per l’estero, con la speranza di avere un lavoro che gli restituisca la dignità; altri, invece arrabbiati e disperati e senza speranza, arrivano anche a mettere in atto gesti estremi.

Oggi questa piazza CHIEDE CHE: il  Piano d’Azione Occupazione e Inclusione, che prevede circa 280 milioni di euro per contrastare povertà e disagio sociale e per creare oltre 13.000 nuovi posti di lavoro,  composto da nuove misure e che impegna risorse a valere sul Por Calabria 2014-2020, sia deciso assieme agli STESSI LAVORATORI !!!!!

Vogliamo un tavolo permanente sul lavoro.”

COMUNICATO STAMPA – Vigili del Fuoco

“20 miliardi alle banche ed i cittadini precari in piazza a fare la questua.

Il governo regala 20 miliardi per consolidarne il sistema bancario privato e salvarne una dal fallimento e poi ci prende anche per il culo!!! Infatti, lo hanno chiamato, con ipocrisia e menzogna, “intervento a tutela del risparmio”, mentre  quei soldi sono serviti il Monte dei Paschi e gli investimenti dei loro amici!!!!

Questi soldi fanno aumentare il debito pubblico che tutti noi dobbiamo pagare, alla faccia dei parametri europei che servono solo quando devono mettere tasse a noi cittadini. Il governo ha chiesto anche all’Europa di poter sforare i parametri per le gravi emergenze che hanno colpito il paese, alluvioni, incendi, terremoti e slavine, dove la gente è morta anche per mancanza di una struttura adeguata che svolga il soccorso in questo paese!

blocco usb
blocco usb

Sia come cittadini, che come vigili del fuoco siamo certamente compiaciuti se i sacrifici sono serviti per dare un contributo a chi ha perso tutto con terremoti ed emergenze varie, perché la solidarietà ci ha sempre contraddistinti. Ma se l’emergenza in questo paese diventa salvare la banca di Renzi della Boschi, di Verdini e di tutto il governo, perché i suoi manager l’hanno pure derubata, beh, come cittadini e vigili del fuoco NON siamo disposti ad essere più solidali!!

Questa gentaglia deve pagare il debito prodotto e deve restituire i soldi che ha derubato, tirandoli fuori loro dalle loro tasche!!! Anche per questo i vigili del fuoco non smetteranno di stare in piazza a protestare, soprattutto quelli precari che aspirano da essere finalmente assunti dopo anni e anni di sfruttamento a “convenienza”, solo quando fa comodo al governo!

Vogliamo, quindi, incontrare il governo per dare seguito alla risoluzione “FIANO” e per dare effettività e certezza di un aumento di organico nel corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, perché il soccorso alla popolazione sia tempestivo e non sia a rischio per mancanza di personale!!!!”

Unione Sindacale di Base

Pubblicità

Pubblicità