I candidati calabresi hanno sottoscritto il Manifesto Politico Coldiretti

In Attualità, Politica On

I candidati hanno dimostrato piena disponibilità a Coldiretti Calabria

Tra i punti del Manifesto anche il no all’accordo CETA e la petizione “Stop al cibo falso”.

Comunicato stampa:

La Coldiretti Calabria ha concluso gli incontri con i candidati alle elezioni politiche di domenica prossima 4 marzo. Un giro d’orizzonte e un tour intenso che si è sviluppato in tutti i collegi elettorali di Camera e Senato della Calabria e che ha visto coinvolti i dirigenti dell’organizzazione. I candidati hanno firmato il Manifesto Politico Coldiretti: sono 5 cose, a zero costi, da fare nei primi 100 giorni. Da parte di tutti è arrivato il pieno appoggio al Manifesto politico di Coldiretti sottoposto loro dal presidente Molinaro. Il Manifesto prevede appunto cinque punti da realizzare da parte del Governo che verrà, vale a dire: – L’ etichettatura obbligatoria con indicazione dell’origine della materia prima su tutti i prodotti alimentari; – L’istituzione di un Ministero del Cibo per garantire un’unica regia normativa; – Processi di semplificazione burocratica e attività di controllo coordinata; – Via al segreto sulle importazioni di prodotti agroalimentari; – La legge sui reati agroalimentari. I futuri parlamentari hanno anche sottoscritto la raccolta firme #Stopcibofalso, la grande mobilitazione popolare di Coldiretti nei confronti dell’Unione Europea per fermare i fake a tavola e difendere l’agricoltura italiana, bloccando le speculazioni.

La raccolta è rivolta al Presidente del Parlamento Europeo e può essere sottoscritta anche on line accedendo al sito internet stopcibofalso.coldiretti.it. Altro impegno fondamentale che è stato preso è quello contro i recenti accordi internazionali sul libero scambio, dal Canada (Ceta) al Giappone fino ai Paesi del Sudamerica (Mercosur) che autorizzano la pirateria alimentare a danno dei prodotti più prestigiosi Made in Italy, accordando esplicitamente il via libera alle imitazioni che sfruttano i nomi delle tipicità nazionali. I candidati – ha dichiarato Pietro Molinaro presidente regionale di Coldiretti – hanno dimostrato grande disponibilità, ma soprattutto condivisione delle battaglie che Coldiretti sta portando avanti da anni, accendendo i riflettori sul cibo e su un territorio unico e ad alta valenza agricolo-ambientale come quello calabrese. Ai candidati calabresi sono state evidenziate le criticità dell’agricoltura calabrese.

Articoli Correlati

Ruberto sollecita incontro tra commissari e consulta su Teatro Grandinetti

Ruberto sollecita incontro tra commissari e consulta su Teatro Grandinetti

Non avendo ricevuto ad oggi, nessun riscontro sull’incontro da noi richiesto, il consiglio direttivo della consulta delle associazioni si

Read More...
Carlo Tansi

Rischio sismico in Calabria, Tansi: “Affermare la cultura della prevenzione”

L'intervento di Carlo Tansi a "Buongiorno Regione" (altro…)

Read More...
Lamezia, Gianturco e Mastroianni: Urgono interventi nelle zone montane

Lamezia, Gianturco e Mastroianni: Urgono interventi nelle zone montane

“Da tempo segnaliamo i continui disagi per i cittadini che vivono nelle zone montane della città ma nulla di

Read More...

Mobile Sliding Menu