Sport

Candido Grande a 360 gradi sulla pallavolo lametina e non solo

È tornato in Calabria ieri pomeriggio, dopo 3 anni, Candido Grande con la sua Top Volley Latina. L’ex direttore sportivo della Pallavolo Lamezia ed attuale ds, appunto, del Latina affronterà questa sera la Tonno Callipo Vibo Valentia in uno scontro che si preannuncia decisivo, sentito ed entusiasmante.

Candido Grande Grande è tra i maggiori rappresentanti della pallavolo calabrese ed in particolar modo lametina, e nella serata di ieri ha rilasciato alcune dichiarazioni all’emittente sportiva regionale Lamezia Volley Channel visibile sul canale 649 del digitale terrestre (e sul quale è possibile trovare l’intervista video in integrale). Sulle proprie sensazioni in merito al ritorno in terra calabra dopo diversi anni, Grande ha affermato che “è sempre un piacere tornare nella mia terra e in particolare nella mia città.
E il fatto di alloggiare sempre a Lamezia in hotel, in questo caso presso l’Hotel Ashley, fa capire quale sia il mio attaccamento. Fare pallavolo al giorno d’oggi non è facile e ancor di più nella nostra regione quindi un plauso va a Pippo Callipo perché credo che stia facendo davvero tanto per la Calabria. Credo che il movimento pallavolistico in Calabria sia cresciuto tantissimo ed un elogio va anche a chi lo ha impreziosito: il primo nome che mi viene in mente è Nino Tripodi che ha fatto di Lamezia una capitale del Sud della pallavolo.
Ma, partendo dal basso, ce ne sarebbero tanti altri”. Parlando del periodo in cui a Lamezia si sfiorò la Serie A1 e del quale Grande è stato tra i principali protagonisti, il ds ha dichiarato che “porto sempre nel mio cuore tutto quel periodo. Però il momento che ricordo particolarmente è stata la Finale di Trieste perché siamo stati veramente ad un passo dall’Olimpo. Aver avuto la possibilità far parte di una squadra di uomini, di ragazzi splendidi, è stato fantastico e credo che al di la della delusione finale, della sconfitta contro una signora squadra, quella sia stata una stagione da incorniciare”.
Mentre sulla situazione attuale pallavolistica lametina e un suo eventuale ritorno in Patria afferma: “Il mio pensiero è che si deve cercare di unire le forze a livello tecnico, umano ed economico. La famiglia Raffaele da ormai tanti anni e il gruppo Conad di Lamezia stanno portando avanti due belle realtà con grandi sacrifici e se si riuscisse a fare forza comune credo sarebbe un’ottima cosa.
A livello dirigenziale bisogna essere umili e se necessario fare un passo indietro perché la pallavolo lametina è un bene principalmente della Città e dei tifosi. Bisogna crescere tecnicamente e come ambiente cercando di mettere da parte determinati fattori perché credo che altrimenti sia un peccato. Per quanto mi riguarda sono contentissimo di stare a Latina ed ho rifiutato anche altre destinazioni.
Quando mi dicono se torno a Lamezia a me vengono sempre i brividi. Diciamo che posso affermare che a me piacciono progetti seri e credibili a prescindere dalla categoria”. In conclusione, per quanto riguarda il proprio percorso professionale in forza alla Top Volley Latina, Grande si è detto “molto contento e soddisfatto del mio percorso anche se sono gli altri a dover valutare il lavoro che fai.
Però se dopo 10 anni sono ancora qui vorrà dire che qualcosa ho dato a questa società. Sono i risultati nelle stagioni a parlare. Arrivare da Lamezia, dove ho cercato di dare il massimo ed ho ricevuto il massimo, a Latina mi è servito molto e la mia crescita è stata importante”.

Antonio Gatto

Pubblicità

Pubblicità