Eventi&Cultura

Concorso regionale di poesia dialettale Vittorio Butera per l’anno 2017

L’Associazione Culturale Confluentes organizza la sesta edizione del Concorso regionale di poesia dialettale Vittorio Butera per l’anno 2017, che si terrà il 23 agosto a Conflenti. Presentato il bando di concorso.

di Valeria Folino

L’Associazione Culturale Confluentes, che ha sede a Conflenti, ha presentato il bando del Concorso regionale di poesia dialettale “Vittorio Butera” per l’anno 2017.
Una manifestazione, giunta ormai alle sesta edizione, in onore e memoria del poeta conflentese.

Vittorio Butera nacque a Conflenti il 23 Dicembre 1877. Frequentò le scuole elementari a Conflenti, completò invece gli studi a La Spezia da uno zio paterno, nel 1905 conseguì a Napoli la laurea in Ingegneria. Nel 1909 Vinse un concorso presso L’amministrazione provinciale di Catanzaro.
Nel 1949 smise di lavorare per raggiunti limiti d’età, e solo allora spinto dalle consistenti insistenze dei numerosi amici decise di pubblicare la prima raccolta di poesie “Prima cantu e doppu cuntu”.
Tre sono le raccolte pubblicate, oltre Prima cantu e doppu cuntu”, ricordiamo “Tuorno e ccantu, tuorno e ccuntu nel 1960 ed infine la terza Inedite” curata dal Centro di Cultura Popolare U.N.L.A. di Conflenti.
Numerose le opere dedicate al poeta tra le più importanti ricordiamo “Canta Pueta” di Carlo Cimino e Vincenzo Villella, nel quale sono raccolte tutte le poesie. Vittorio Butera morì nel 1955. Le composizioni poetiche di Butera sono tipicamente delle favole in versi veicolanti un insegnamento morale tradizionale.
Protagonisti delle sue favole sono gli animali parlanti (come : A licerta e ru curzune ossia La lucertola e la biscia, E furmiche e ru voi, ossia Le formiche e il bue, A cuniglia e ra duonnula, ossia La coniglia e la donnola) oppure oggetti inanimati (E due commise, ossia Le due camicie, A naticchja e ra fermatura, ossia La chiave e la serratura).

vittorio buteraIl bando completo del Concorso può essere scaricato sul sito dell’Associazione: www.confluentes.it
I partecipanti al concorso devono presentare un componimento poetico in dialetto calabrese, di argomento libero e di lunghezza non superiore a 200 (duecento) versi. La commissione esaminerà e valuterà i vari componimenti pervenuti che dovranno essere recitate direttamente dagli autori, nel pomeriggio del 23 agosto presso la Sala Consiliare di Conflenti.
I vincitori saranno proclamati, sempre nella giornata del 23 agosto a Conflenti nel corso della serata organizzata da Confluentes.
L’Associazione culturale Confluentes invita a partecipare numerosi!

Una primavera e un’estate  all’insegna della cultura. Conflenti, paese ricco di fermenti culturali, vara un programma ricco di eventi che caratterizzerà i prossimi mesi, grazie alla preziosa collaborazione di associazioni culturali molto attive nel territorio conflentese.

‘A licerta e ru curzune di Vittorio Butera.

‘Na licerta,

Sberta sberta,

A ra loggia spalancata

De ‘na scola era ‘ncriccata,

E, ccurcata

Supra l’anta,

Tutta quanta

Rusicata, d’‘o barcune,

Se gudìa ro solliune.

Intra, cc’era

’Nna filèra

De sculari

Gridazzari;

Ma, chiù d’intra ancore, cc’era,

Ccu ra frunte rughijata

E ra capu ‘na nivèra,

’Nu maestro chi facìa

Llizzione ‘e giumitria.

Se chiamava ddonnu Titta

E ra crozza avìa ddiritta.

De ‘na cagna de lavagna

Scassàu pprima zerti cunti;

Pue pigliau, signàu ddui punti

E ddicìu: -Ppe d’arrivare

De ccà ccà se puotu ffare

Mille vie, billizze mie:

Chista, ‘st’àutra, chista ccà;

Ma sintiti a Ddonnu Titta,

Chi de vue de cchiù nne sa,

’A cchiù ccurta è ra diritta –

’A licerta chi sintiu

Disse: -È bberu

Ppe’ ddavèru! –

E, dde tannu, si camina,

Fuje, spritta e bbà ddiritta,

Pirzuasa ch ‘abbicina.

Doppu ‘n ‘annu, ‘na matina,

Mentre jìa

A ttruvare ‘na vicina,

’A vavìa

S’affruntàu ccu ‘nnu curzune

Chi, ‘u’ ssapìennu giumitria,

Stuorticannu si nne jìa.

’A licerta le dicìu:

-Biellu miu,

Si camini ccussì stuortu

Quannu arrivi? Doppu muortu?

A ra scola ‘un ce si’ statu?

E ru mastru ‘un te l’ha ddittu

Ca ‘u caminu cchiù bbicinu

Sulamente è ru dirittu ?

Già, i curzuni, tutti quanti,

Siti stùpiti e gnuranti.

-Hai ragiune! Vere sperte

’Un ce siti ca ‘e licerte;

Ma ‘sta vota si’ ‘nna ciota.

E ppue dire a Ddonnu Titta

Ca, ccu tutta ‘a giumitrìa,

’A cchiù storta d’ogne bbia

Quasi sempre è ra diritta!…

Chine vo’ ppriestu arrivare

È strisciannu e stuorticannu

Ch’a ‘stu munnu ha dde marciare!

Pubblicità

Pubblicità