Cronaca Lamezia

Corruzione, cadono le accuse per Nerina Renda e Salvatore Lucchino

Procura della Repubblica di Catanzaro
Procura della Repubblica di Catanzaro

Annullata l’ordinanza cautelare emessa dal Gip di Catanzaro

Comunicato stampa

Cadono le accuse che la Procura di Catanzaro aveva contestato alla Dott.ssa Nerina Renda e all’imprenditore Salvatore Lucchino tratti in arresto lo scorso 28 maggio con la pesante accusa di corruzione. Il Tribunale del Riesame ha annullato l’ordinanza cautelare emessa dal Gip di Catanzaro nei confronti dei due indagati, disponendo l’immediata revoca degli arresti domiciliari che erano stati applicati nei loro confronti.

Nessun atto contrario ai doveri d’ufficio da parte della Dott.ssa Renda e nessuna controprestazione “corruttiva” da parte di Salvatore Lucchino. Dopo l’udienza tenuta davanti ai Giudici del riesame lo scorso 9 agosto, è di oggi la decisione con la quale è stata integralmenta accolta la linea difensiva degli Avvocati Aldo Ferraro e Antonella Pagliuso, tanto da essere stata annullata l’ordinanza cautelare emessa nei confronti dei due, non per mancanza di esigenze cautelari ma per mancanza dei gravi indizi di colpevolezza.

Gli Avvocati Ferraro e Pagliuso hanno infatti evidenziato che mai, la dott.ssa Renda, ha adottato alcun atto in violazione dei suoi doveri d’ufficio al fine di agevolare Salvatore Lucchino nella gestione di un centro di accoglienza per immigrati, soprattutto considerando che nelle gare d’appalto attenzionate dalla Procura la stessa rivestiva esclusivamente il ruolo di “segretario verbalizzante”. Quanto a Salvatore Lucchino, del pari, è stato dimostrato che nessuna dazione illecita o corruttiva è a lui riconducibile, e che, quanto all’immobile ceduto alla dott.ssa Renda “sostanzialmente a titolo gratuito”, si trattava di un rudere -e non di una villetta- situato a Feroleto Antico pagato dalla Renda lo stesso prezzo al quale due anni prima lo aveva acquistato il venditore.

Pubblicità

Pubblicità