Politica

Federproprietà sui nuovi contratti di locazione

Federproprietà informa che sono stati pubblicati nella G.U. n° 62 del 15 marzo 2017, i criteri generali per la realizzazione degli accordi da definire in sede locale per la stipula dei contratti di locazione ad uso abitativo a canone concordato.

contratti di locazioneDopo anni di attesa si è così messo mano al nuovo accordo nazionale che ha visto Federproprietà, affiancata dalle altre Associazioni del Coordinamento della Proprietà edilizia, impegnata in proposte migliorative del precedente testo.
La complessa attività sviluppatasi nell’estate scorsa ha condotto all’approvazione del decreto ministeriale contenente le nuove linee Guida per la redazione dei patti territoriali.
Degno di particolare nota ed attenzione il chiarimento contenuto nel nuovo testo per evitare che sia equivocamente ritenuto “canone concordato” quello scaturente dall’autonomia negoziale delle parti anziché – come per legge – quello definito sulla base dei parametri rilevabili dagli accordi territoriali.
Federproprietà, che  ha già sensibilizzato con pec tutte le amministrazioni dei Comuni capoluogo ad assumere l’iniziativa di convocare altrettanti tavoli affinché possano partire le locazioni agevolate su tutto il territorio in base alle nuove direttive, raccomanda a tutti i proprietari di attenersi rigorosamente ai criteri così individuati nella contrattazione nazionale ed in quella territoriale per evitare che i contratti di locazione stipulati eventualmente in difformità possano comportare le gravi conseguenze fiscali e giudiziarie previste dalla normativa.
Gli uffici di Federproprietà sono a disposizione dei cittadini per orientamento e chiarimenti.

Prof. Tommasina Lucchetti

Coordinatore Regionale

Pubblicità

Pubblicità