Sport

Final Eight, soddisfatto Montemurro: “Porteremo a Lamezia la nazionale di calcio a 5”

Concluse le Final Eight di Coppa Italia, c’è grande soddisfazione tra i vincitori ma anche tra gli sconfitti, usciti “vincenti” sugli spalti e per l’organizzazione impeccabile.

Montemurro e Ferrini in visita al costruendo palazzetto

Parole di elogio da Andrea Montemurro, presidente della Divisione Calcio a 5, presente col suo staff ma anche col presidente regionale Saverio Mirarchi e l’ex presidente della Lega Dilettanti Nino Cosentino. “Grande risultato per il Sandos ma anche per la Royal sul piano organizzativo – sottolinea Montemurro -, sono molto contento di avere scelto Lamezia e la Calabria e spero di tornare presto spero con un evento internazionale”. A tal proposito in mattinata ha visitato il costruendo Palazzetto: c’è voglia di Futsal a Lamezia. “Ne abbiamo parlato a lungo col sindaco, c’è un progetto molto importante intorno a dicembre o nei primi mesi dell’anno prossimo, speriamo di portare qui la Nazionale”. Ha bruciato le tappe la Royal in pochi anni. “Una grande società che sta crescendo fortemente, noi gli siamo vicini perché crediamo tanto nel Lamezia”. Le donne non figlie minori del Futsal? “Assolutamente no. Il calcio a cinque femminile è lo sport maggiormente in crescita in Italia, io ci credo tantissimo come ci crede il presidente Tavecchio e come ha testimoniato anche oggi il presidente Cosentino con la sua presenza”.

L’assessore allo sport di Lamezia Graziella Astorino: “Si è perso in campo ma si è vinto per tutto il resto: le ragazze hanno dato tutto fino alla fine, sono orgogliosa di loro perché hanno non hanno mollato anche di fronte ad un Sandos forte. L’ho detto anche al sindaco: la città di Lamezia ha vinto perché abbiamo operato con la Royal e con la Federazione affinchè tutto filasse liscio”.

Il vice presidente del consiglio comunale di Lamezia Paladino: “Purtroppo c’è stato sicuramente un momento in cui c’era il timore di non svolgere più la manifestazione – spiega Paladino -, però grazie alla collaborazione della Royal con Nicola Mazzocca, Eugenio Mercuri, tutta l’Amministrazione comunale e la commissione sport, il sindaco Mascaro si è presa la responsabilità di far svolgere l’evento perché purtroppo c’erano dei problemi sulla struttura del palazzetto. E’ stato comunque un successo per il pubblico col palazzetto stracolmo e per i ritorni economici per la città con questo evento pensando a partecipanti ed indotto vario”.

Il sindaco Mascaro chiarisce proprio gli aspetti evidenziati da Paladino: “Non ritenevo giusto – inizia – che la diffida per il non utilizzo di questa struttura potesse vanificare il tanto lavoro fatto per questo evento così importante. Per cui ho attivato subito tutte le iniziative possibili, comprese due riunioni della Commissione Vigilanza, e comunque ringrazio gli organizzatori, la sezione Lavori e tutti gli uffici del Comune: tutti siamo riusciti a mediare alle criticità rappresentate. La manifestazione è stata bellissima: la Calabria e Lamezia ne escono alla grande, questo era l’importante, è stata una bellissima festa. Peccato per la mancata vittoria finale ma il Sandos era fortissimo: si è vista la differenza, dicevo a chi mi stava accanto di superare i minuti iniziali, non ci siamo riusciti merito a loro, ma noi ne usciamo a testa altissima”.

Sorridente Giorgia Grillo allenatrice del Real Sandos: “Le ragazze volevano questa vittoria – esordisce – anche oggi sul campo della squadra che ci ospitava, pure come organizzatrice, ed in una partita che si presentava difficile. Stagione da incorniciare? Speriamo di festeggiare a breve anche la A Elite e di onorare al meglio le ultime 4 gare di campionato, portando a casa risultati positivi perché lo meritiamo. Un plauso però alla Royal perché ha dimostrato grinta e carattere, ed ha sempre ottenuto ottimi risultati anche in campionato”.

Quindi Paolo Carnuccio, tecnico della Royal: “Siamo molto contenti di aver raggiunto la finale, ma il Real Sandos si è dimostrata la squadra più forte delle otto, a noi è mancato qualcosa, compresa qualche infortunata in corso d’opera. Loro hanno vinto meritatamente ma con un divario tropo largo che non dà il giusto merito alle mie ragazze. Per amor di verità rispetto al Sandos abbiamo incontrato due squadre fortissime: Coppa D’Oro, capolista nel girone B e la Rambla che ha avuto grande brillantezza fisica, per cui oggi la Royal ha fatto una grandissima prestazione sul piano fisico, mentale e tattico. E comunque ritengo che il vero vincitore sia il pubblico di Lamezia, che uno così in Italia non esiste al momento, e quindi anche per la Federazione è una grandissima risposta per la fiducia ed il credito che ha dato nei confronti della Royal, a cui manca davvero poco per diventare una delle società più importanti del futsal femminile nazionale”.

L’attaccante della Royal, Sharon Losurdo, brava come le sue compagne: “Hanno dimostrato di avere un organico completo, anche la panchina, e con chiunque entrava non si abbassava il livello. Al di là di questo, hanno avuto due squadre (Maracanà e Fondi) più facili delle nostre, abbiamo dato tutto ma siamo arrivate alla finale davvero stanche. Magari l’esperienza negativa qui in campionato gli è servita non commettendo quegli errori”. Voi ragazze dovete essere orgogliose, ve l’ha riconosciuto il pubblico. “Sicuramente: ci hanno sostenuto sempre  e a fine gara ci hanno ringraziato”.

Il presidente della Royal, Nicola Mazzocca è realista: “Il miracolo l’avevamo fatto già in campionato. Oggi abbiamo cercato di contenerle, mettendole anche in difficoltà col quinto uomo, però il Sandos è forte e bisogna riconoscerlo, al di là che il passivo è troppo largo”. Differenze con la gara di campionato dove la Royal reagì meglio. “Oggi intanto c’era un gran pubblico e le ragazze sono entrate contratte, sicuramente reagimmo meglio, ed oggi la vittoria per loro ci sta sicuramente”. Riscontri organizzativi? “Questa è la nostra vittoria. Abbiamo avuto i complimenti dalla Federazione e da tutte le squadre. La mia soddisfazione è vedere questa cornice di pubblico in una città dove non c’è ancora la ‘cultura’ del futsal”.

Eugenio Mercuri organizzatore con la Royal: “È stato un evento importante per la città di Lamezia, non solo tecnico per il raggiungimento della finale ma per l’organizzazione tutta. Per cui la Royal ha vinto, dimostrando da oggi che è una realtà solida ed una delle squadre più titolate per la medaglia di argento ottenuta. La Federazione presente tutta ha confermato che la società Royal entra di diritto nell’elite del futsal nazionale. Quanto visto oggi ripaga tutti gli sforzi fatti, perché non era facile fare tutto in soli 20 giorni. Nicola Mazzocca e Claudia Vetromilo hanno costruito qualcosa di meraviglioso. Un plauso al sindaco Mascaro, a tutti gli uffici comunali ed a tutta la stampa che abbiamo sentito vicino in modo particolare. Infine una delle perle organizzative è stata la Polisportiva Norcia. “Ho ricevuto un bellissimo loro messaggio che sono rientrati nel pomeriggio a Norcia, diceva che ‘questa manifestazione gli ha cambiato la vita’: basta questo per dire che l’evento ha raggiunto il traguardo più alto possibile”.

 

Pubblicità

Pubblicità