Giornate FAI di primavera, alla scoperta dei tesori di Curinga

In Eventi&Cultura On
Giornate FAI di Primavera, Curinga

La 26ma edizione delle Giornate FAI di Primavera

Comunicato stampa:

Giornate FAI di Primavera, Curinga
Giornate FAI di Primavera, Curinga

Curinga – Nell’ambito dell’iniziativa nazionale “Giornate FAI di Primavera”, giunta alla 26ma edizione, la delegazione del Fondo Ambiente Italiano di Catanzaro ha scelto quest’anno di riscoprire il ricchissimo patrimonio custodito a Curinga.

Sabato e domenica prossima, 24 e 25 marzo, il FAI in collaborazione con il Comune di Curinga condurrà, infatti, i visitatori “Alla scoperta dei tesori di Curinga”.

Giornate FAI di Primavera, Curinga
Giornate FAI di Primavera, Curinga

Le Giornate FAI di Primavera, sono diventate un appuntamento italiano molto importante, anche perché raccontano di un’Italia che sempre di più si riconosce nella vastità del suo patrimonio culturale e nella ricchezza della sua storia. Anche quest’anno la Rai seguirà l’iniziativa con una maratona televisiva a chiusura della settimana Rai dedicata ai Beni Culturali.

Per le sue peculiarità e la varietà delle ricchezze archeologiche, ambientali e paesaggistiche, Curinga è un borgo calabrese di grande pregio, anche per le caratteristiche del centro antico che, collocato sulla sella istmica, si affaccia sul mar Tirreno.

Tante le iniziative e le visite guidate in calendario. In particolare, tre gli itinerari programmati: archeologico, ambientale, storico artistico.

  • “Un tuffo nelle Terme”, itinerario archeologico che prevede l’apertura eccezionale delle Terme Romane (generalmente chiuse per lavori di scavo), uniche in Calabria perché conservano la struttura fin quasi all’altezza della copertura. Detto anche il Tempio di Castore e Polluce il complesso termale, fa parte di una grande villa monumentale della fine del II-IV che si stende per 700 mq e si presenta in ottimo stato di conservazione.
  • “Una passeggiata tra i mulini”, itinerario naturalistico che prevede l’escursione nella vallata della fiumara Turrina, detta anche valle dei mulini per la presenza di antichi mulini con le originarie macine in pietra. Questo percorso è dedicato a persone abituate a passeggiate di media difficoltà e sarà effettuata, domenica mattina, su prenotazione. Molto più agevole e adatta a tutti l’escursione al platano di Vrisi, il famoso albero monumentale di oltre mille anni, con un tronco dalla circonferenza di 16 metri. Nelle vicinanze il Monastero di Sant’Elia vecchio che alcune fonti farebbero risalire ai monaci basiliani del periodo bizantino.
  • “Un week-end da favola” nel centro storico di Curinga, itinerario storico artistico dove si potranno ammirare il palazzo e la piazza Bevilacqua, la Chiesa di San Giuseppe, il Convento di Sant’Elia e il Santuario di Maria SS del Carmelo, la Chiesa dell’Addolorata, la Chiesa dell’Immacolata, la Chiesa Matrice.

L’amministrazione comunale e le associazioni locali promuovono, inoltre, una serie di iniziative, tra cui: visite alla mostra fotografica sulla malaria di Antonio Panzarella, mostre sull’artigianato tessile locale, mercatini di prodotti tipici e artigianali, uno spettacolo musicale la sera del sabato, animazione e attività ludiche con i bambini e momenti di declamazione di poesie in vernacolo.

Sono state, inoltre, stipulate convenzioni con i ristoranti del luogo per offrire una eccellente ospitalità a prezzi convenienti.

Articoli Correlati

Libri, una Giornata mondiale tra vita e rose

I libri come chiave di verità, oggi la Giornata mondiale patrocinata dall'Unesco (altro…)

Read More...

Pd lametino, l’inerzia politica raccontata da Giovanni Cimino

Cofondatore del circolo pd di Lamezia-Nicastro, Giovanni Cimino fornisce un'analisi circa le condizioni attuali del partito (altro…)

Read More...
Masso si stacca da scarpata e precipita su strada vibonese

Tropea, masso di oltre un metro cubo precipita in strada

Un masso di oltre un metro cubo di dimensione si è staccato da una scarpata finendo sulla strada provinciale

Read More...

Mobile Sliding Menu