Eventi&Cultura

La Camerata Ducale diretta da Guido Rimonda in concerto al Teatro Umberto

Prosegue la stagione musicale A.MA. Calabria 2017 con un altro imperdibile spettacolo presso il Teatro Umberto.

Oggi, domenica 5 febbraio, con inizio alle h 18,30 avrà luogo un concerto della Camerata Ducale, orchestra da camera diretta da Guido Rimonda che presenta il programma LE VIOLON NOIR – La musica del mistero: Musica, storia, parola: il violino protagonista di un concerto multidisciplinare.

Se c’è un colore che rappresenta tutto ciò che è occulto, nascosto, misterioso, è sicuramente il nero. Da qui nasce il progetto “Le violon noir”: celebri composizioni legate a una dimensione inquietante ma allo stesso tempo piena di fascino.

Diavoli, streghe, ossessioni e funerali aleggiano nella storia del violino e dei violinisti. A partire dalla morte violenta del violinista Jean-Marie Leclair, il cui cadavere fu ritrovato pugnalato senza mai scoprirne il colpevole. Pugnalato a morte alla schiena, ma senza abbandonare l’abbraccio con il proprio violino, uno Stradivari 1721, da allora soprannominato “le Noir” per quella macchia nera lasciata dalla mano destra irrigidita del violinista, che mai avrebbe voluto staccarsi dal suo splendido strumento, quello che oggi suona Guido Rimonda. Visioni sinistre e inquietanti che da sempre sono legate all’immagine del violinista e alla sua diabolica bravura, quasi fosse il frutto di un patto con il diavolo.

In effetti, il più grande di tutti e il primo showman della storia, Niccolò Paganini giocò spesso con queste intriganti suggestioni visive. Nelle sue acclamatissime tournée solistiche il violinista genovese amava stupire il suo pubblico proponendo titoli che colpissero prima di tutto la fantasia dell’ascoltatore.

Tutto questo e molto altro ancora viene raccontato durante il concerto da Guido Rimonda.

La musica s’intreccia alla storia, e brano dopo brano prende vita un racconto sorprendente, dai risvolti talvolta inquietanti, ma sempre capace di catturare l’attenzione dello spettatore. Uno spettacolo che per essere interdisciplinare non ha bisogno né di scenografie né di effetti speciali, ma solo di un violino, una voce e della voglia di addentrarsi nel fascino del mistero.

Guido Rimonda è una delle personalità musicali più complete ed affascinanti dell’odierno panorama violinistico italiano. I suoi concerti e CD hanno ricevuto all’unanimità il consenso da parte di pubblico e critica. Nel 1992 crea la Camerata Ducale e nel 1998 è tra i promotori del Viotti Festival, assumendone il ruolo di Direttore Musicale. Parallelamente alla stagione concertistica piemontese, continua ad esibirsi all’estero e nelle più importanti sale concertistiche italiane. Suona lo Stradivari del 1721 “Jean Marie Leclair” definito da G.B.Somis “La voce di un angelo”.

La Camerata Ducale è un ensemble solido ed appassionato con un solista che sa coniugare il miglior virtuosismo con il calore di una cantabilità tutta italiana. La Camerata Ducale vanta un numero considerevole di concerti con i più importanti artisti contemporanei. Il concerto si realizza nell’ambito del progetto Circolazione Musicale in Italia promosso dal CIDIM e volto ad assicurare anche nelle aree più decentrate del paese concerti di altissimo livello qualitativo affidati ad alcuni dei più grandi interpreti italiani.  Il programma prevede l’esecuzione di opere di Locatelli, Gluck, Tartini, Ravel, Paganini, Williams e Wieniawski.

Pubblicità

Pubblicità