Lamezia, sfregiata la Madonnina di Piazza Mercato Vecchio

In Cronaca Lamezia, Ultime notizie On
- Updated

Decapitata la Madonnina di Piazza Mercato Vecchio

Un atto vandalico grave e immotivato quello perpetrato ai danni della statua della Madonnina in Piazza Mercato Vecchio, nel cuore della città e uno dei centri della movida lametina.
Una statuina dall’immenso valore sentimentale per il fioraio lametino Roberto Cuda, per il quale la scultura rappresenta il ricordo di un viaggio e di una persona amata che ora non c’è più.
Portata a Lamezia Terme direttamente da Lourdes nel 2005, dal 2006 era esposta nella piazza lametina, nell’incavo ricavato da un tronco d’albero, e mai in questi anni era stata obiettivo di vandalismi di sorta.
Anzi, è stata spesso oggetto di venerazione e rispetto da parte di tutti, compresi i molti giovani che hanno sempre frequentato i vari locali presenti in piazza e che sono stati anche tra i primi a rammaricarsi per il gesto.
Le dichiarazioni di alcuni cittadini riguardo l’accaduto sono discordanti: c’è chi dice sia successo nel pomeriggio di lunedì e chi sostiene sia avvenuto in tarda serata; chi dice di aver visto una persona prenderla addirittura a calci; chi, come al solito, non ha visto nulla; non si sa se sia frutto di una bravata di un “personaggio” un po’ troppo brillo o se sia un gesto premeditato.
Tutte le persone che passano da qui e vedono la statua ci stanno rimanendo molto male. Io però non l’ho tolta perché voglio che la gente veda ciò che è successo“, ci dice Roberto.
Per questo è subito partita una gara di solidarietà, anche social, ed è stata avviata una colletta da parte dei locali presenti in piazza per poter acquistare una nuova statuina e sostituire l’altra.
Un gesto inspiegabile e da condannare. Che si sia religiosi o meno, che sia una bravata o tutto il contrario, che si tratti della statua della Madonnina o della fontana pubblica, è soprattutto il simbolo tangibile e visibile di una inciviltà sulla quale proprio non si può soprassedere. La ciliegina sulla torta di una serie di atti vandalici a danno della città.
Lamezia Terme, certo, ora versa in condizioni precarie lacerata nel profondo da problematiche politiche ed economiche che sembrano metterla in ginocchio ogni giorno di più, ma si dovrebbe far di tutto pur di evitare anche la deriva culturale e civile.
Tanti sono e saranno i problemi da risolvere per risollevare le sorti della città della piana e di cui la terna commissariale si dovrà occupare, ma cominciare installando delle telecamere in Piazza Mercato Vecchio, così come in altre zone della città, per evitare il ripetersi di questa come di altre situazioni ben più gravi potrebbe rappresentare un passo avanti, seppur minimo.

V.D.

Articoli Correlati

Il “Cantico dei Cantici” all’Oscenica di Catanzaro

L'edizione numero zero della rassegna  “Oscenica – nuove frontiere del teatro contemporaneo” ha visto 7 nomi importanti del panorama

Read More...
La Conad Lamezia cede a Macerata, mercoledi gara3

La Conad Lamezia cede alla Medea Macerata, mercoledi gara3

A tre giorni di distanza si replica la sfida tra Macerata e Lamezia, che si chiude con il medesimo

Read More...
Lamezia. La comunicazione sociale nel servizio civile

Lamezia. La comunicazione sociale nel servizio civile

LAMEZIA. Il laboratorio di comunicazione sociale nell’ambito del percorso formativo di Arci Servizio Civile Lamezia – Vibo Valentia è

Read More...

Mobile Sliding Menu