Mostra di Cinzia Renda: fino al 25 maggio a Palazzo Nicotera

In Eventi&Cultura On
- Updated
Mostra di Cinzia Renda - LameziaTermeit

Prosegue “Il Maggio dei Libri” con la mostra di pittura dell’artista lametina, tra Costabile e l’indimenticabile fratello Gianni

Mostra di Cinzia Renda - LameziaTermeit

Sarà aperta fino al prossimo 25 maggio a Palazzo Nicotera la mostra di pittura di Cinzia Renda, promossa nell’ambito de “Il Maggio dei Libri”, che raccoglie alcuni dei quadri dell’artista in cui sono sintetizzati i motivi fondamentali del suo percorso autodidatta: i paesaggi aspri calabresi, i richiami alla Sambiase di un tempo, tra i vicoli e i caratteristici “vagli”, i costumi, immagini care alla fede popolare come San Francesco di Paola, la Madonna e Gesù Buon Pastore.

La mostra è stata inaugurata lunedì scorso, con una performance musicale a cura di Sunil Rocca e Chiara Palaia, è un’introduzione ai quadri della Renda da parte del docente Fiore Isabella, che ha legato le opere dell’artista lametina alla poesia di Franco Costabile e all’indimenticabile fratello Gianni Renda. Visita alla mostra anche da parte del Sindaco Paolo Mascaro che ha espresso apprezzamento per l’iniziativa.

Mostra di Cinzia Renda - LameziaTermeit“Costabile descrive, nei suoi versi, la miseria e la condizione di subalternità di questa terra, Cinzia coglie nei vichi, nei cieli e nei mari, mai tranquilli. Due storie vissute, in tempi diversi ma consumate a pochi metri l’una dall’altra, data la vicinanza tra la casa di Costabile e quella della famiglia Renda a Sambiase, che hanno elementi di continuità nel manifestarsi di una soggettività fortemente intrisa di connotazioni emotive”, ha affermato Isabella osservando come “mentre il poeta sambiasino usa i versi per descrivere sentimenti di rabbia e sofferenza per una terra abbandonata, riserva elettorale per l’onorevole che ritorna calabrese dopo  anni di menzogne, nei dipinti di Cinzia si colgono sentimenti si familiarità e tenerezza”.

E infine il ricordo a Gianni Renda, scomparso prematuramente nel lontano 1983.

Citando il teologo Filippo D’Andrea, Isabella ha sottolineato come “ancora oggi  Cinzia sente che le braccia del fratello, forti dell’amore di Dio e gravide di sentimenti fraterni, la sorreggono: nulla viene tolto al mistero del dolore che oggi li accomuna, solo che più nettamente oggi il mistero si affaccia sul volto del Cristo dipinto e i riflessi della Resurrezione che Gianni contempla, baciano le icone che Cinzia a braccia tese dipinge”.

La mostra è visitabile fino a giorno 25 maggio negli orari di apertura della Biblioteca.

Articoli Correlati

Lamezia, grande partecipazione per la lectio magistralis nelle chiese di Sambiase

Lamezia, grande partecipazione per la lectio magistralis nelle chiese di Sambiase

S’è svolta con quasi cento partecipanti la lectio magistralis tenuta dal Professor Mario Panarello "Da Francesco Colelli a Eduardo

Read More...
Senatore Giuseppe Petronio - Lameziatermeit

In ricordo del sen. Petronio verrà affisso un suo ritratto a Sambiase

Affissione del ritratto del sen. Petronio a un anno dalla dipartita (altro…)

Read More...

“Io scelgo Calabria” avvia campagna di promozione vitivinicoltura calabrese

“Io scelgo Calabria”: vitivinicoltura ed enologia: due patrimoni da valorizzare (altro…)

Read More...

Mobile Sliding Menu