Litweb

Mostra “Mito e materia” di Alberto Badolato e Maurizio Carnevali

Domenica 14 giugno è stata inaugurata al Lissania Garden la mostra d’arte “Mito e materia” degli artisti Alberto Badolato e Maurizio Carnevali.

Dal 15 al 21 giugno la mostra è fruibile nei locali dell’Associazione Altrove (via Lissania, 18) dalle ore 18,30 alle 21,00.

Ricevo in mail poesie e diario di Massimo Sannelli e nello stesso giorno sono invitata alla mostra di Alberto Badolato e Maurizio Carnevali nel giardino dell’ Altrove a Lamezia.

Appesi alla pietra viva con fili di acciaio i grandi quadri dei due artisti sono emanazione della pietra stessa.  Ne parlerò in un altro mio post, ora voglio lanciarvi le immagini che si rincorrono nella mia testa e giocano quasi: Il fauno di Maurizio ed il fauno di Sannelli, poeta ed attore, due grandi sensibilità insieme.

Massimo Sannelli, nato ad Albenga, vive a Genova. Maurizio Carnevali conosce luoghi e storie di Genova, lui che ha dipinto le canzoni di De Andrè. Dipingerà le poesie di Massimo?

Poesie  di Sannelli con dipinti di Maurizio

“se ride il fauno, il fauno si diverte

da sé; e come gioca? coi corpi gioca, con

gli animaletti morti, con le teste

di plastica trovate ed una donna,

viva e vera”

“Il fauno è all’ospedale: tra i malati è opaco

e senza film, è qui chi cammina.

in questo spazio pelo e peso, uso

di mano ma la preda vive ancora

e questo non è cibo, non è cibo. e il nido vano

è della bestia e ha dieci dita in terra

nei giardini di plastica e ora è mimo,

il mimo umano in via Madre di Dio.”

Alcuni versi di Sannelli che possiamo leggere nel seguente sito https://lottadiclassico.files.wordpress.com/2015/06/xxx-aprile.pdf

Intanto io con questi versi in testa giungo al giardino. Un pittore, Maurizio,  che ama i colori, il rosso, soprattutto.

Maurizio aveva preparato le sue tele sul fauno e su Pan per una mostra tenuta a Roma: Pan, amore e violenza.  Guardo.

Il fauno, creatura dei boschi, uomo con piede di capra, che venne poi identificato con Pan

Ed io con in mente un mio antico pezzo La cicala ed il satiro-5 settembre 2011

Cantava tutta l’estate, sui tigli fioriti la cicala cantava, cantava: che bello, che bello, il sole, le stelle, la vita, il calore.

Suonava  per boschi, per  valli incantati, suonava felice il satiro Pan.

La cicala cantava dalla coda, si nutriva di rugiada, si perdeva nei suoi suoni.

Cantava una sola estate. Poi moriva.

Pan, il tutto, pas, pasa pan, ricordi? il molteplice, il duplice, era uomo e donna.

Unione di desiderio-uomo-ed incanto-donna.

Suonava, suonava e bloccava le ninfe, trasformandole in oggetti inanimati, perché il tutto dissolve l’individualità.

Era il diabolico, perché poi divide e separa. Umano bestiale.

La parte inferiore nella materia, quella superiore luminosa.

Pan, una sessualità solitaria, due falli.

Le ninfe diventavano altro  e nelle  valli incantate della nuova  tecnologia ripetevano  smarrite le ninfe della mitologia.

La cicala cantava e guardava, cececè, cececè, cantava  cantava

Settembre è  già qui

Massimo Sannelli, poeta e attore: gloria al molto rosso, che copre/ gli occhi. gloria toglie il silenzio:/ piegato, una volta, in spine, poi luce/ vera. Non brutta luce, ancora;/ invasione.

Da L’Aria poesie di Massimo Sannelli

Ippolita Luzzo

sannelli sa fauno fauno 2 fauno 1

Add Comment

Click here to post a comment

Pubblicità

Pubblicità