Politica

Multiservizi: scontro Miletta-Costanzo, il presidente respinge le accuse

Dopo la nota di Fernando Miletta, ex presidente della Lamezia Multiservizi, l’attuale presidente, Giuseppe Costanzo, ha emesso un comunicato di chiarimento della situazione.

Riportiamo il testo in versione integrale:

Verba volant scripta manent”, è stata questa disarmante massima che ha guidato la nota, da me precedentemente diffusa e con la quale, al cospetto di numeri e date, ho deciso di allontanare il velo che per anni, ha offuscato la verità.
Questo desiderio di verità non mi ha però, portato a calcolare che “quando un bambino viene beccato con le mani nel vasetto di marmellata”, nonostante l’evidenza, provi a giustificarsi, arrampicandosi sugli specchi e provando a trarre da falsità, un alibi.
Devo ora, infatti, rispondere alle insinuazioni sollevatemi dalla precedente gestione Lamezia Multiservizi.

In particolare, voglio tranquillizzare il dottor Miletta, che ringrazio per aver speso il suo nome, sul possibile conflitto di interessi in merito al mio ruolo di presidente del collegio sindacale di una nota azienda operante nel settore ambientale, ricordando che ho rinunciato a tale incarico nel gennaio 2016, successivamente alla mia nomina a Presidente della Lamezia Multiservizi.
Voglio rammentare poi, che presso il CdA del Cometra (Consorzio Meridonale Trasporti), il volto di Miletta è stato visto così tante poche volte, da essere soltanto un vago ricordo e la sua presenza non giustifica sicuramente i rimborsi spese dichiarati.

Ciò che maggiormente mi preme chiarire è però la questione bilanci.
Mi si accusa di non aver citato, nella mia analisi, i bilanci chiusi in utile, degli anni 2005-2006-2007-2008. Ma potevano questi bilanci chiudere in perdita, in un periodo in cui a Lamezia Terme godevamo di una discarica? Il dato allarmante è un altro, però. I bilanci degli anni a seguire, per i quali non è stata più incaricata la nota società di revisione di fama internazionale quale appunto la Price Waterhouse, hanno riportato perdite che hanno testimoniato come le risorse avute grazie alla discarica, non siano diventate investimenti per l’azienda, e siano state invece vanificate.

Veniamo ora, noi, accusati di non aver predisposto un formale piano industriale. Intanto mi chiedo a a quando risale l’ultimo piano industriale della passa amministrazione e comunque anche questa notizia è infondata. Nonostante le grandi problematiche ereditate, per usare un termine di cui sono sicuro ci accuseranno, voglio informare che abbiamo intensificato i rapporti con la Regione Calabria che ha di conseguenza, acceso i riflettori su un’azienda strategica come appunto la Lamezia Multiservizi.  Stiamo lavorando per un Biodigestore per lo smaltimento dell’organico, che aiuterebbe a ridurre i costi di conferimento dei rifiuti, trasformandoli in utile.

Per quanto riguarda poi, il sistema idrico, è stato redatto un progetto innovativo di “tele lettura” che verrà presentato a giorni, presso la Regione Calabria.
L’attuale gestione ha dunque, riempito di contenuti quel libro, al quale la precedente amministrazione aveva scritto soltanto il titolo di “piano industriale”. E comunque, senza andare nei dettagli ricordo ancora a Miletta, una su tutte, che soltanto dall’arrivo del nuovo management, è stato predisposto un sistema di controllo sugli autobus, con l’istituzione di un semplice bollettario per le eventuali contravvenzioni per la mancanza del biglietto per la corsa, fino ad allora inesistente! Come si può volere bene ad un’azienda e non avere neanche questi semplici ed elementari accorgimenti?

Sarebbero tante le questioni da analizzare ma avremo modo, a breve, di condividere con i cittadini, non il passato ma il futuro della Lamezia Multiservizi, sperando che le “colpe dei padri, non ricadano sui figli”.

Il Presidente
Giuseppe Costanzo

Ti potrebbe interessare: Multiservizi: scontro Miletta-Costanzo, la replica dell’ex presidente

Pubblicità

Pubblicità