Attualità Litweb

Ritorna Calabria Letteraria

L’attesa è stata lunga.
Da quattro anni il direttore Franco Del Buono peregrinava da Cosenza a Catanzaro in cerca di un editore che accettasse di ripubblicare una rivista storica e molto amata.

calabria letteraria In fine approda a Reggio Calabria e lì trova “La Città Del Sole”, la casa editrice che accetta la sfida: Far rinascere la rivista.
Franco Del Buono, direttore di Calabria Letteraria, ci affascina subito con un discorso dall’eloquio desueto, “Egregi signori e signore buonasera” ci parla di “cristiano respiro”e ci trasporta al momento in cui Paola, la cittadina che diede i natali alla rivista, era ancora nel distretto di Amantea. Fu Gioacchino Murat a dare autonomia alla città e punire Amantea che si era schierata con i borbonici. La storia mi affascina ed intanto il direttore ci riporta alla data di nascita della rivista, quel 1952, quel novembre in cui in una tipografia di Paola si stampa il numero uno. Nel 2012 la cessazione.
Subita la “inopinata decisione” della chiusura della rivista, edita Rubbettino, lui veste “il saio dell’umiltà” e peregrina” fino a “quando una lucerna rischiarò”.
Siamo nella Scuola materna “A. Stillo” di Sotterra, Paola, nella sede dell’UNLA, ed è quasi un battesimo quello a cui assisto. Siede composto e attento il sindaco di Longobardi, sono presenti gli editori, Franco Arcidiaco e Antonella Cuzzocrea, il caporedattore Federica Legato, e quasi tutto il comitato di redazione, nonché gli eredi di Emilio Frangella, il direttore che fondò la rivista.
rivista-1Ci accoglie, presenta la serata ed è quasi la madrina della serata nelle duplici vesti di redattrice della rivista Calabria Letteraria e di dirigente il Centro di Cultura per l’Educazione Permanente UNLA di Paola, Caterina Provenzano.rivista
Una rivista trimestrale, dal formato nuovo, con le parole dell’editore, un formato libro, tale da essere venduta nelle librerie, e nelle edicole librerie, da poter trovare spazio fra i libri, a casa, e consultata con facilità.
Raccolgo della serata molte frasi, molti suggestioni, alcune amicizie e simpatie nate all’istante. Intanto vedo tutti abbonarsi, felici, “una rinascita epocale” esclama Ivan Ciacci, 10 anni sindaco di Belcastro, appassionato di storia locale, nel ricordare che a Belcastro nacque Tommaso D’Aquino. Santino Salerno, scrittore, deve prendere il treno per Palmi, saluta e porta i saluti di Nunzio Lacquaniti, un esserci tramite lui testimone. “Quando gli amici portano l’amico dove lui non può andare.”
Armando Nesi mi aiuta a prendere punti e a fine serata l’incontro con Cettina De Seta, figlia di Pietro De Seta, condirettore della rivista al suo nascere, umanista e storico di Fuscaldo, mi dona la poesia “L’attesa” quasi a suggellare che la lunga attesa di quattro anni era ora conclusa.
E con i versi, che mi regalano gli occhi azzurri e il mare, ritorniamo a casa, sui tasti. Aspettando di leggerla ancora.

Ippolita Luzzo

lattesa

Pubblicità

Pubblicità