Attualità

Il Sambiase supera col brivido la Reggiomediterranea, i giallorossi vincono per 3-2

Dopo il brusco k.o. interno nell’ultima sfida del 2016 contro il Gallico Catona, il Sambiase torna a festeggiare tra le mura amiche vincendo contro la Reggiomediterranea il primo incontro dell’anno e prima sfida del girone di ritorno del Campionato di Eccellenza.

I locali approcciano nel migliore dei modi immaginabile l’autentico match per evitare i playout contro la formazione guidata da Giuseppe Carella. Il tabellino si smuove già al decimo giro di lancette quando Andrea Saturno, imbeccato da un gran lancio di Fabio, trafigge per la prima volta Crea. Passano tre minuti e il Sambiase raddoppia: Paolo Gallo riceve palla dalla trequarti, elude l’uscita del portiere ospite e mette in rete la decima marcatura del suo campionato. La Reggiomediterranea è nel pallone e al 23esimo arriva il tris del collettivo di Saladino. È ancora il bomber Gallo, assistito dal buon Fabio, a gonfiare per la terza volta la rete dell’affranto Crea. Il puntero sambiasino sale così a 11 reti in campionato, eguagliando Vicentin della Cittanovese e Mosciaro della Vigor Lamezia nella speciale classifica dei cannonieri.
Intorno alla mezz’ora si sveglia dal tragico sopore la Reggiomediterranea e Antonio Galeano è costretto agli straordinari per respingere le conclusioni di Zappia e Candido. Al 39’, però, il numero 1 lametino non può nulla sul colpo di testa di Giovanni Bossi che accorcia le distanze tra le due squadre. Reggiomediterranea
Dopo dodici minuti della ripresa i leoni reggini trovano la seconda segnatura con un altro colpo di testa, questa volta di Caruso, che batte Galeano e dona speranze al team di Carella. Nuovamente Caruso sfiora la rete del pareggio al 66esimo.
Sì come l’omerica Penelope, il Sambiase, calato sia dal punto di vista fisico che da quello mentale, rischia ti disfare terribilmente la tela tessuta nella prima parte dell’incontro. Al 36’ uno stremato Gallo non riesce a sfruttare una facile occasione per la tripletta che avrebbe chiuso la gara; negli ultimi minuti la Reggiomediterranea continua la pressione all’area sambiasina, ma le poco efficienti azioni portano a nulla di buono.
Con questo importante, e fin troppo sofferto, successo il Sambiase sale a quota 19 punti mettendo il naso fuori dall’ardente zona playout. I gialloblù reggini, invece, restano bloccati al penultimo posto a 14 punti inanellando la quinta sconfitta consecutiva.

SAMBIASE-REGGIOMEDITERRANEA 3-2
Marcatori: 10’pt Saturno, 13’pt Gallo, 23’pt Gallo, 39’pt Bossi (R), 12’st Caruso (R)

SAMBIASE (4-3-1-2): Galeano; Gatto, Porpora, De Martino, Michienzi; Calidonna, Diop, Fabio; Curcio; Gallo, Saturno (dal 40’st Mannarino). A disp.: Nicoletta; Bria, Mano, Fodaro Talarico, Mahfoud. All.: G. Saladino
REGGIOMEDITERRANEA (4-4-2): Crea; Foti, Cuzzola, Mancianò, Mallamaci; Bossi (dal 45’st Vigoroso), Caputo (dal 33’st Giunta), Caruso, Candido; Zappia, Kabangu. A disp.: Lo Gatto; Digiacomantonio, Falduto, Romeo, Libri. All.: G. Carella

Arbitro: Antonio Monesi di Crotone
Guardalinee: Leonardo Varano di Crotone e Domenico Petruzza di Catanzaro
Recuperi: 2’ e 3’
Ammoniti: Curcio (S), Kabangu, Caputo (R)

Antonio Pagliuso

Pubblicità

Pubblicità