Avviato lo screening audiologico neonatale nell’Ospedale di Lamezia Terme

In Sanità On
Avviato lo screening audiologico neonatale nell’Ospedale di Lamezia

Dal 1° maggio 2018, è garantito a tutti i nati nell’ospedale “Giovanni Paolo II” di Lamezia Terme lo screening per l’identificazione dei disturbi dell’udito presenti alla nascita, la cui tipologia può variare in intensità, da moderati e profondi, e nella tipologia, unilaterali o bilaterali, con una prevalenza compresa tra 0.5 e 3.0 casi per mille.

L’iniziativa è stata avviata in ottemperanza a quanto previsto nel “Piano regionale di prevenzione 2014/2018 della Regione Calabria” (Obiettivo 03.2.1.1 “Effettuare lo Screening audiologico neonatale in tutti i punti nascita”) e Quadro Logico Programma 3. “Promozione della salute della donna e del bambino” (Progetto P.2.1.1 Screening audiologico neonatale. Burc n. 69 dei 27 Giugno 2016).

Lo screening sarà effettuato per mezzo dell’apparecchiatura palmare di registrazione di otoemissioni acustiche evocate (TEOAE) già in dotazione alla struttura semplice dipartimentale (SSD) di Neonatologia, afferente al Dipartimento materno-infantile diretto dal dott. Domenico Perri, appositamente acquistata e fornita dalla Regione Calabria.

Prima di eseguire il test, sarà consegnato ai genitori materiale informativo specificando l’obiettivo dello screening. L’esame sarà effettuato dopo le 24h di vita, comunque prima delle dimissioni, ed eseguito dal personale della SSD di neonatologia: dirigenti medici, infermiere pediatriche infermiere, specificamente addestrate, coordinate dalla dr.ssa Elena Raynal, dirigente medico SSD di Neonatologia, responsabile del progetto e dall’infermiera professionale Silvia Spagnolo.

I dati relativi all’esito del test saranno archiviati elettronicamente sui palmare e, in forma cartacea, su un apposito registro, nonché trascritti sulla cartella clinica e sulla lettera di dimissione, affinché ne siano informati le famiglie e i pediatri di libera scelta.

I soggetti positivi (refer ai TEOAE) eseguiranno un secondo esame (re-test) programmato al momento delle dimissioni entro 3 settimane dal primo esame ed effettuato a cura dello stesso personale della SSD di Neonatologia.

Nel caso di esito “refer” anche nel secondo esame saranno consegnate ai genitori una lettera informativa e una comunicazione per il pediatra di libera scelta contenente indicazioni per facilitare l’accesso al Centro di II livello per gli ulteriori approfondimenti diagnostici.

Articoli Correlati

Pietro Molinaro - Presidente Coldiretti Calabria

Coldiretti Calabria presenta esposto alla Corte dei Conti

Molinaro: la delibera Cipe n°3/2018 sul progetto definitivo contiene vizi di legittimità che abusano del territorio con spreco di

Read More...
Lamezia, omicidio nel campo rom: continuano senza sosta le indagini della polizia

Lamezia, omicidio nel campo rom: continuano senza sosta le indagini della polizia

LAMEZIA. Continuano senza sosta le indagini della polizia di Stato sull’omicidio avvenuto ieri pomeriggio al campo rom di Scordovillo.

Read More...

Animali protetti, sgominata banda dedita al traffico illegale

7 arresti e un obbligo di dimora in provincia di Reggio Calabria, l'accusa è traffico illegale di animali protetti.

Read More...

Mobile Sliding Menu