Attualità News

La traduzione: è anche una questione del Mezzogiorno!

Questione omerica??!! Più o meno! Premesso che il dialetto è un codice di affetti in un Paese che, lentamente, si sta de-sentimentalizzando, scelgo, per provocazione, due riscritture artistiche, come sensibilizzazione politica, per un’area di territorio, che ha racchiuso nel tempo l’anima di due culture.

grotte di catullo - Mezzogiorno
Grotte di Catullo

La Magna Graecia in fondo è un’Ellade maggiore, benché figlia minore rispetto alla propria madrepatria d’origine: eppure la demagogia non è buona amica della democrazia.
Avere cura del territorio, tenerselo stretto a cuore, nella salvaguardia delle bellezze, significa fare bene comune, che in comune, oggi, ha solo del privato, ahimè!

 

CARME 76 di CATULLO

Nel vernacolo palmese

LIBERATIMI ‘I ‘STA CRùCI!!!

Se ‘nc’ è ‘ncuna gioia po’ cristiànu ca rricòrda i beni chi fìci prima

Quandu pensa ca esti santu, e ca rrispettàu a leggi divìna

E ca non abusàu ‘ntà ‘ncùnu accòrdu du potìri da divinità

Pemmi ‘mbrògghia l’ umanità, tanti cosi felici t’aspèttanu, Catùllu,

pe’ quantu longa poti siri a vita tua,

pe’ ‘sta pena d’amùri tantu ‘ngràta.

Infatti, tuttu chiddhu ca l’ òmani ponnu diri o fari i bonu a ‘ncùnu,

tuttu chistu fu dittu e fattu:

ma tuttu chistu non servìu a nènti, vistu ca l’ omu è miserabili.

E ora pecchì mungìi?

Pecchì, ambèci, non ti fai forti e ti tiri arrètu e a finisci mi si afflìttu cuntra a leggi divìna?

Esti difficili dassàri all’ immediàtu n’ amùri cusì longu,

è veru, ma tu i ‘ncùna manèra l’ hai a fàri !

Chista esti l’ unica shrata mi ta’ rripìgghi, e tu ‘ncè rrinescìri;

se poj e se non poj.

O ddei, se esti ‘nta vostra ìndoli avìri cumpassiòni,

o se mai a ‘ncùnu giovàstuvu all’ ùrtimu da so’ vita,

ormai chi pèdi a fossa, vardàti a mia sbenturàtu e,

se campài comu nu santu, facìti pèmmi si ‘ndi vannu ‘sta pesti e ‘sta ruvìna,

ca comu nu morbu mi trasìu intrha all’ ossa

e mi sciuppàu du cori a cuntentìzza.

Non cercu cchiù mi mi rrendi l’ amùri chi ‘ nci dèzzi,

o, cosa impossìbili, mi èsti scornùsa;

vògghiu mi stàju bonu jèu e mi mi lìberu di ‘sta malatìa perniciùsa.

O ddei, accuntentàtimi pa’ me’ devoziòni.

 

Carme 85 di Catullo

Nel vernacolo siculo

“Io tiu schifiu  e ‘ntantu tiu disiu.

Tu m’addummanni comu pozzu fari,

mancu lu sacciu e ‘ntantu iettu vuci,

nun sacciu comu è ma sugnu ‘ncruci”.

La politica, dunque, non può mancare di poesia, specialmente dove le corde non hanno mai smesso di frequentare le Muse: ed anche per questo non possono essere tollerate più delle ignobili scuse!

A ri-Scossa di un’eredità,
che non è, a scanso di equivoci,
quella del game televisivo!
Il Sud è la Terra degli dei (Goethe),
mentre la Rai, nel nome, ne vanta uno solo: Ama-deus.

Prof. Francesco Polopoli

Pubblicità

Pubblicità