Cronaca

Tropea, un arresto per droga e armi

Nell’ambito di servizi tesi a contrastare lo spaccio e il consumo di sostanze stupefacenti, ad esito di lunga attività info-investigativa, personale della Sezione Antidroga di questa Squadra Mobile e del Posto Fisso di P.S. di Tropea, nella mattinata di ieri 15 febbraio, in Tropea, procedeva a perquisizione domiciliare e degli altri luoghi nella disponibilità di FERRINDA Roberto, nato a Tropea (VV) il 10/1/1966, ivi residente, titolare di un bar, pluri-pregiudicato con precedenti specifici per droga.

armiDurante l’atto di ricerca, svolto con l’ausilio di unità cinofile antidroga dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico all’interno del bar gestito dal FERRINDA, sito in via Roma di Santa Domenica di Ricadi, dentro un armadietto nel retrobottega veniva rinvenuto un borsello contenente denaro e una pistola semiautomatica cal. 22 in ottimo stato d’uso, con matricola punzonata, il colpo in canna ed il caricatore rifornito.
Sempre nello stesso ambiente, all’interno di un mobiletto basso ad ante scorrevoli, in mezzo a varie confezioni di caffè, veniva rinvenuto un panetto di cocaina confezionato sottovuoto, del peso di grammi 500.
All’interno del bar, sotto la macchina del caffè, venivano rinvenuti due sacchetti in cellophane del tipo utilizzato per congelare gli alimenti, contenenti il primo altri 55,7 grammi di cocaina, e il secondo 8,2 grammi sempre della stessa sostanza; inoltre, dentro un barattolo di latta a poca distanza, è stata trovata un’ulteriore somma di denaro.
La perquisizione personale sul FERRINDA consentiva di rinvenire, in varie tasche dei pantaloni, 12 dosi di cocaina pronte per lo spaccio, preconfezionate (circa grammi 1,2 a dose), tramite l’arrotolamento a mo’ di caramella di piccoli lembi di plastica, per complessivi ulteriori grammi 15,7.
Veniva, inoltre, rinvenuto e sequestrato materiale per il confezionamento delle sostanze stupefacenti e un bilancino elettronico di precisione.
La droga e l’arma, debitamente sottoposte a sequestro, saranno avviate presso il Gabinetto Regionale di Polizia Scientifica di Reggio Calabria per gli opportuni ulteriori accertamenti; anche le somme di denaro venivano sottoposte a sequestro, trattandosi evidentemente dell’illecito provento dell’attività di spaccio.
Dopo i consueti adempimenti, il FERRINDA, tratto in arresto in flagranza di reato per detenzione finalizzata allo spaccio di sostanza stupefacente del tipo cocaina (complessivi grammi 580) e violazione della normativa sul controllo delle armi, è stato associato alla Casa Circondariale di Vibo Valentia, a disposizione dell’A.G.

Pubblicità

Pubblicità