Sport

Vigor Lamezia sconfitta in casa dal Troina per 2 a 0

 

*di Antonio Gatto

Un risultato troppo severo per la Vigor Lamezia che nella partita d’andata degli ottavi di finale di Coppa Italia di Eccellenza nazionale cade in casa per 2 a 0 contro il Troina. Un avversario qualitativamente molto forte che ha sicuramente creato qualcosa in più dei biancoverdi (che più volte si sono salvati grazie a Marino) i quali però, nelle svariate azioni gol create, sono stati poco cinici e determinati sotto porta altrimenti il passivo sarebbe potuto essere minore per il Lamezia.

Tutti gli schemi e la preparazione settimanale del match sono andati a farsi benedire dopo soli 120 secondi dall’inizio del match quando come una doccia fredda la Vigor subisce la rete dell’1 a 0 con un autogol di Angelo Ferraro che su un calcio di punizione ospite per anticipare gli attaccanti avversari devia il pallone nella propria porta con Marino (tra i migliori dei suoi) che non può fare altro che guardare la sfera terminare in rete. Aspetto psicologico ed emotivo sicuramente toccato da questo tipo di inizio e soprattutto dalla modalità con la quale è arrivato il gol. Nonostante gli uomini di Mister Gatto abbiano avuto altri 88 minuti (più recupero) per pareggiare i conti l’attacco biancoverde non ha punto come avrebbe dovuto. I problemi offensivi sono risaputi in casa Vigor e così anche oggi i vari Mosciaro-Leta-Ferraro prima e Russo-Marano poi si perdono nei meandri della retroguardia della squadra siciliana. È da sottolineare, comunque, che il Lamezia ha protestato più volte per alcune scelte arbitrali relative sia ad alcuni fuorigioco che falli nell’area di rigore avversaria. Episodi che hanno in un modo o nell’altro influito sulla prestazione della squadra lametina che durante il match colpisce un legno così come gli ospiti. Nel secondo tempo, con la Vigor sbilanciata in avanti, e subito dopo un gol mancato dai padroni di casa, il Troina in contropiede sigla la rete del definitivo 2 a 0 che “condanna” (si fa per dire) la Vigor Lamezia a vincere con 2 reti di scarto al ritorno (Mercoledì 1 Marzo) altrimenti, senza Coppa Italia, si potrà quasi certamente dire addio alla Serie D data l’attuale situazione in classifica in campionato.

PAGANA (Mister Troina): Mi aspettavo una gara difficile ed impegnativa perché venire a Lamezia non è mai facile. I miei ragazzi sono stati molto bravi a far girare il pallone con velocità. È un tipo di gioco, così come il modulo 3-4-3, che mi piace molto e che ho appreso dai miei 2 maestri ossia Pasquale Marino e Gaetano Auteri. Sicuramente abbiamo anche sfruttato la loro situazione non facile perché stanno attraversando un periodo difficile e questo aspetto ha avuto il proprio peso però oltre a questo c’è da dire che la squadra è in forma e la prestazione lo dimostra. Non abbiamo la qualificazione in tasca. Con lo spogliatoio abbiamo fatto un patto, giocare ogni partita come una finale.

GATTO (Mister Vigor Lamezia): Sfido chiunque a trovarsi nella nostra situazione ossia a scendere in campo con una partita preparata in un certo modo e dopo pochi secondi ti ritrovi sotto di un gol in quel modo. Per il resto credo che durante il match ci siano state occasioni da ambo le parti e loro ci hanno fatto il 2 a 0 su contropiede e dopo un gol mangiato nostro. Alla luce di tutto questo reputo il risultato non giusto, assolutamente. Questo senza nulla togliere al Troina perché è una squadra qualitativamente forte. La differenza credo l’abbiano fatta i cambi. Dalla partita di Domenica in campionato il Troina ha fatto 6 cambi. La mia squadra è numericamente non sufficiente perché se non posso far riposare chi gioca di più è chiaro che i nostri avversari hanno un passo diverso. Io sono un tipo che non vuole cercare alibi né l’anno scorso né quest’anno, né con la formazione né con gli arbitri. Io alleno e gioco con i calciatori che ho ed altro non posso fare. In conclusione credo che alla Vigor Lamezia continui a pesare, sotto l’aspetto psicologico, il periodo negativo che stiamo attraversando ma le qualità del gruppo non sono in discussione. Ora dobbiamo pensare al ritorno per andare lì e fare la partita della vita.

 

VIGOR LAMEZIA – TROINA 0-2

VIGOR LAMEZIA (4-3-3): 1 Marino, 2 Villella (14’st 13 Anile), 3 Torcasio, 4 Ottonello (36’st 18 Marano), 5 Bertini, 6 A. Ferraro, 7 Crucitti, 8 Guttà, 9 Mosciaro, 10 Leta, 11 L. Ferraro (14’st Russo). PANCHINA: 12 Mercuri, 14 Varricchio, 15 Commisso, 17 Gigliotti. ALLENATORE: Antonio Gatto.

TROINA (3-4-3): 1 Van Brussel, 2 Del Col, 3 Orlando, 4 Tuninetto (43’st 13 Marullo), 5 Silvestri, 6 Fricano, 7 Souare, 8 Marletta, 9 Romeo (23’st 15 Diallo), 10 Melillo, 11 Adeyemo (46’st 14 Fernandez). PANCHINA: 12 Messina, 16 De Souza, 17 Riolo, 18Bello. ALLENATORE: Giuseppe Pagana.

ARBITRO: Giacomo Casalini di Pontedera. Assistenti: Elia Zingoni di Pontedera e Alessandro La Veneziana di Viareggio.

RETI: 2’ pt aut. A. Ferraro, 33’ st Adeyemo.

NOTE: Ammoniti: Leta (VL), Bertini (VL), Marletta (T), Fricano (T), A. Ferraro (VL), Tuninetto (T), Adeyemo (T). Angoli 4-2. Recupero 1′ e 5′. Spettatori 1000 circa con presenza ospite.

*

Pubblicità

Pubblicità