LameziaTerme.it

Il giornale della tua città


‘A Travaglia di mastru Fidiricu ‘u nicastrisi

2 min read

Sicuramente, gli abitanti del Braccio (zona nei pressi di piazza 5 Dicembre già piazza Diaz) della mia epoca, ricordano quanto ho scritto sotto

‘Ntra vinella du cinama Grandinetti (via S. D’Audino), ci abitava mio nonno, a muru c’era ‘a fhorgia di mastru Fidiricu ‘u nicastrisi.

Nua guagliuni dopu ‘a scola jiucavamu ‘ntra vinella, trasiamu ‘ntra forgia a guardari chillu chi fhacia mastru Fidiricu. Jacintiallu e lla suaru, figli du mastru furgiaru, fhatigavanu ccu llu patri, ma appena eranu liberi jiucavanu ccu nua.

Jiucavamu allu “jiudici”, ccu llu strumbulu,
a mazza e pizzicu, allu tocca, a muntalaluna, ecc.

Mi ricuardu ca Jacintiallu e la suaru avianu ‘a stessa età nostra, però dovevano aiutare nei lavori pesanti da forgia. Puru ‘a mamma, ‘Ntunetta, aiutava’ntra fhorgia vindiandu ccetti, zzappuni,fhauci e tuttu chjllu ca fhacia mastru Fidiricu.

Quandu c’eranu ‘i fheri ‘Ntunetta si mintia a vindari tutti sti ccetti, zzappuni, ecc. Oltre a costruire e riparare tutti questi attrezzi per l’agricoltura, ‘u fhurgiaru fhirrava: ciucci, cavalli, muli e vaccini.

Io vidia cumu si fhirrava, prima si cacciavanu i fhiarri cunsumati, dopu si pareggiava l’unghia e si misuravanu i fhiarri supra l’ugna e si nun jianu buani chjlli pronti, subitu si aggiustavanu o di fhacianu martilliandu supra ancuina.

‘I fhiarri russi du fhuacu si mintianu supra l’ugna e fhacianu a fhurma, pua i fhiarri si mintianu a raffreddare in una bacinella d’acqua e s’inchiodavano nell’unghia dell’animale.

Era facili fhirrari ‘i ciucci, mintiandu ‘u pedi supra ‘u jinuacchjiu du fhurgiaru. ‘I guai vinianu quandu s’avianu ‘i fhirrari ‘i cavalli, ‘i muli e li vaccini. Bisugnava attaccari ‘a capu a ‘na vuccula vicinu ‘u muru e tre o quattru pirzuni avianu ‘i tiniri animalu, accussi’ si putia fhirrari.

Ppi putiri fhatigari megliu e cchjiu sicuri mastru Fidiricu fhici ‘na “TRAVAGLIA”.Si componeva di 5 pali lunghi 2 metri e 50 infissi nel terreno, 4 formavano un rettangolo di 2 metri di larghezza e 3.,50 di lunghezza, il quinto palo veniva infisso davanti al rettangolo e serviva per legare la testa dell’animale.

I pali che formavano Il rettangolo erano collegati da pali trasversali che chiudevano sui tre lati gli spazi, evitando agli animali ogni via di fuga. Ai pali trasversali si legavano le zampe da sottoporre a ferratura. ‘A travaglia fu costruita nel terreno terrazzato sopra ‘a funtana du Bracciu.

Questa attrezzatura per la ferratura era diventata il posto preferito di noi ragazzi. Un giorno era una nave, un’altro diventava un carro dei pionieri del West, ecc.

‘I bialli tiampi ‘i ‘na vota.

Francesco Domenico Mete

Click to Hide Advanced Floating Content