LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

Abbandono beni culturali specchio mala amministrazione della citta’

2 min read
bastione di malta

I beni culturali rivestono un interesse pubblico e devono quindi essere accessibili a chiunque

Comunicato Stampa

E’ per questo che da anni – affermano Domenico Fragiacomo e Carmen Di Terlizzi a nome e per conto del Meetup 5 Stelle Lamezia Amici di Beppe Grillo – la nostra attenzione si è focalizzata sul parco archeologico di Terina, ruderi della vecchia Abbazia Benedettina, Bastione di Malta, Castello Normanno-Svevo e restanti bellezze storiche e artistiche della nostra città.

Ad oggi, ognuno di questi beni presenta una problematica a sé stante, e non è dato conoscere esattamente né il come (se ne esce) né il perché (non se ne esce), visto l’alto livello di aleatorietà delle risposte offerte da chi gestisce, da anni, tali procedimenti.

“Del resto, un approccio del genere si sta rivelando tipico per ogni problematica che affligge Lamezia, con la naturale conseguenza di rallentare all’estremo, fino all’immobilismo permanente, ogni procedimento di chiusura di vecchi progetti che si trascinano dalle vecchie Giunte Speranza e forse oltre. Basti pensare, oltre ai beni culturali invisibili,  al nuovo Palazzetto dello Sport, al Progetto Sa.ra. di cui non si parla più, o al Centro Polifunzionale destinato all’inserimento sociale e lavorativo degli immigrati extracomunitari regolari, completato da anni e ancora chiuso ed inutilizzato. Il costo, non solo economico-finanziario, che la città di Lamezia sta sostenendo in questo tran tran di procedure e responsabilità, è altissimo, e sarebbe probabilmente degno di attenzione ed approfondimento da parte della magistratura contabile. Ma quello che più interessa a noi ed alla città, è che tali strutture vengano rese una volta per tutte realmente fruibili al pubblico”.

“Negli ultimi dieci mesi – proseguono i due esponenti del meetup cittadino – abbiamo realizzato tre tappe del nostro Tour dei beni culturali a Sant’Eufemia, Sambiase e Nicastro, riscontrando insieme ai portavoce calabresi del M5S D’Ippolito, Melicchio, Orrico, Corrado e Granato, impegnati nelle rispettive Commissioni Ambiente e Cultura di Camera e Senato, un pressoché totale stato di abbandono e degrado di buona parte del patrimonio culturale lametino, pubblico e privato”.

“ La nostra attenzione continua ad essere massima, ma per uscire da questa condizione di immobilismo ed isolamento non può bastare soltanto la denuncia. Bisogna essere capaci di andare oltre i limiti ed i cavilli burocratici classici di un certo modo di fare del passato e proporre una soluzione concreta e d’insieme per dare alle nostre testimonianze storiche e culturali la giusta visibilità ed una piena fruizione. Pensare a delle soluzioni di policy, mettendo intorno ad un tavolo tutti i soggetti istituzionali interessati, e operare, in sinergia, col fine ultimo di identificare e definire strategie e linee di intervento funzionali – concludono Fragiacomo e Di Terlizzi – ad incidere sul rapporto tra cultura e sviluppo sociale ed economico del territorio”.

                                                                                                    Meetup 5 Stelle Lamezia Terme

                                                                                                            Amici di Beppe Grillo