Angela Finocchiaro in “Ho perso il filo” ovvero il rovesciamento del Mito

In Clapping. Teatro e dintorni On
Ho perso il filo

Catanzaro, 22 marzo 2019. In scena al Teatro Comunale lo spettacolo Ho perso il filo con Angela Finocchiaro su testo di Walter Fontana e regia di Cristina Pezzoli. L’evento, inserito nel cartellone della rassegna teatrale Vacantiandu con la direzione artistica di Diego Ruiz, Nico Morelli e la direzione amministrativa di Walter Vasta, è stato organizzato in collaborazione con il Festival Fatti di Musica di Ruggero Pegna.

Arriva dalla platea, Angela Finocchiaro, a stabilire una immediata empatia con il pubblico. Sale quella scala improvvisata fatta con i bauli che contengono l’attrezzeria scenica e si mette al centro del palco dove campeggia un bianco gomitolo gigante. Dichiara le sue intenzioni interpretative. Questa sera si cimenterà in qualcosa di diverso. Vestirà i panni di un eroe: Teseo ma non prima di aver raccontato, con irriverente candore, l’antico mito del Minotauro. Con qualche suggestione alla Paolo Poli ma con una dose minore di perfidia e più sorridente ironia.

Così dopo aver consegnato il gomitolo ad una spettatrice in prima fila si addentra nel labirinto in una atmosfera onirica tra sipari leggeri e un sapiente impasto cromatico di luci e suoni, merito dei talenti associati di Giacomo Andrico (scene), Valerio Alfieri (luci) e Mauro Pagani (musiche originali).
In realtà la scena è un luogo dell’inconscio, un paesaggio interiore da cui provengono i fantasmi che evocano emozioni, ricordi, coscienza e immaginario. E qui i fantasmi hanno il corpo di sei fantastici ballerini: Giacomo Buffoni, Fabio Labianca, Alessandro La Rosa, Antonio Lollo, Filippo Pieroni, Alessio Spirito che, su coreografie di Hervié Batie, mostrano un vigore e una forza personalissimi. Dotati di una struttura fisica marcatamente nervosa ed esercitata fino nell’ultimo muscolo, riescono a rasentare l’acrobatico senza mai allontanarsi dai giusti confini della danza in un alternarsi di fluidità e stasi, sequenza di figure e passi d’élévation e, in sottofinale, magnifico gruppo scultoreo in posa plastica.

Come un coro greco, in una striscia danzante continua, queste “creature del labirinto” accompagnano o enfatizzano le situazioni sceniche. Mentre gli interrogativi, i giudizi, gli ordini che si imprimono sul “muro parlante”, sorta di quadrante cinematico, non sono altro che proiezioni speculari dell’io e del subconscio.

Tutto è giocato sul filo magmatico dei ricordi, visti in retrospettiva, con l’occhio adulto ma ancora infantilmente disincantato della protagonista: l’educazione in un collegio di Orsoline (con passerella clericale), il primo bacio, i consigli che si tramandano da madre in figlia, il matrimonio, la maternità, la rassicurante quotidianità…

E in quel perimetro di sogno, la realtà, irrompe – paradossalmente – attraverso l’onnipotenza della tecnologia creando ironiche e giocose discrasie. Il mito diventa pretesto per raccontare la tragedia dell’individuo moderno circoscritta ormai all’esperienza personale e non più collettiva e che si traduce, in dubbi, incertezze, paure, insicurezze, nevrosi, tormenti. Ma anche in una riflessione sulla morte  in tutti i suoi aspetti: morte rituale, morte violenta, annullamento. E lei, sempre più disorientata e sola, si impadronisce del gravoso compito di capire “le cose”.

È l’eroismo della vita quotidiana dove le sue autoconfessioni si misurano con un buon senso che si rivela nelle sue continue smagliature ma che, tuttavia, viene reinventato  – con ottimismo – nella dinamica scenica attraverso un faticoso processo di rigenerazione e di autoaffermazione. Il filtro dell’umorismo esalta il sapore della libertà conquistata senza spargimento di sangue.

La storia intera appare soprattutto mentale eppure deliberatamente teatrale, grazie alla regia abile e scoppiettante di Cristina Pezzoli e al testo di Walter Fontana nella cui tessitura narrativa ritualistica e iniziatica ma nello stesso tempo quotidiana e riconoscibile si aprono, d’improvviso, profondità metafisiche.

Angela è sempre in scena, vitalissima. Con l’energia di un folletto salta scappa combatte gattona e danza esibendo frenesie motorie rigide, stilizzate, quasi marionettistiche ma soprattutto parla…. Parla con garbo, intelligenza e autoironia, qualità indiscusse della recitazione. Sembra che la Finocchiaro si diverta molto, e così facendo diverte gli altri. Moltissimo. Vivace e turbinoso finale sulle note del sirtaki che si trasforma in gioiosa danza catartica.
Applausi scroscianti e lunghissimi. Per tutti.

Al termine dello spettacolo, il consueto omaggio della tradizionale maschera, simbolo della rassegna Vacantiandu ideata dal graphic designer Alessandro Cavaliere e realizzata dal maestro Raffaele Fresca, che il direttore artistico Nico Morelli e il direttore amministrativo Walter Vasta hanno consegnato ad Angela Finocchiaro.

Giovanna Villella

[foto di scena Ennio Stranieri]

 

Articoli Correlati

violenza sulle donne

Cosenza. Cinquantenne perseguita la ex moglie e finisce in manette

Nella tarda serata di venerdì 15 novembre, personale dell’U.P.G.S.P. Squadra Volante ha tratto in arresto, per atti persecutori, C.F.

Read More...
Catanzaro. Polizia arresta 29enne per evasione dagli arresti domiciliari

Paola (CS). Era ai domiciliari e picchia familiare, preso

Nella giornata di venerdì 15 novembre, personale del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Paola ha dato esecuzione ad ordinanza

Read More...
Esultanza a fine gara

Sesta vittoria per la Royal Team che batte la Salernitana

E sono sei! La Royal Team Lamezia non si ferma e rimanda battuta anche una buona e volenterosa Salernitana

Read More...

Mobile Sliding Menu