Antonio Cannone presenta “Viaggio tra i destini paralleli della mia terra”

In Eventi&Cultura On

LAMEZIA. Viaggio tra i destini paralleli della mia terraè il nuovo libro di Antonio Cannone, vincitore di un concorso per inediti per i tipi della Elison Publishing, in edizione e-book e cartaceo.

Dopo i numerosi consensi per “Il caso Aversa” e prima ancora per “Gli Intrusi-Fascino mortale”, il giornalista e scrittore lametino si cimenta in un romanzo intriso di simbolismi che sottende in continuazione una visione lirica sulla complessità dei rapporti umani, con un impianto narrativo intimo e di introspezione. Non mancano i riferimenti alla realtà calabrese da dove comunque si dipana una visione globalizzata della contemporaneità. Un lavoro di “rigida libertà” con sentimenti universali che nascono e si sviluppano in un crescendo di emozioni dove ogni personaggio ha il proprio palcoscenico. Gabbie virtuali che in realtà diventano prigioni e dove viene messa in mostra la difficoltà dell’uomo nell’agire quotidiano e nei rapporti con il suo simile.

Per Cannone il “viaggio” è inteso come metafora dell’esistenza dell’uomo in un ricorrente confronto con l’ambiente e la società, con i dubbi, le certezze, gli incubi, le storie romantiche e tragiche del vivere comune. I protagonisti sono messi di fronte ai fatti, li subiscono o li provocano e a raccontarli è una “voce narrante”, una sorta di  “fuori campo” che è la nostra coscienza. Un viaggio tra universi paralleli, tra destini che si incrociano, si parlano e si lasciano.

Il racconto parte da un luogo del Sud per poi articolarsi in altri ambienti. Lo ndranghetista con giacca e cravatta che fa affari loschi e deturpa l’ambiente. L’idealista che affronta il broker. Personaggi senza nome che parlano della morte delle “masse “. Il politico potente campione di demagogia e maestro d’imbrogli. Un padre che sa di morire e spiega al figlio come affrontare quello che è il più doloroso dei distacchi. L’inventore di una App della “verità” che obbliga i premier a informare del loro operato i cittadini e altre storie che si intrecciano con l’attualità di un mondo senza ideologie; dove l’unico riferimento è il potere economico e che partono dalla riproposizione del pensiero pasoliniano e delle liriche di zavattiniana memoria.

Articoli Correlati

Coronavirus. Graziano: pericolo focolai nelle carceri

 Nonostante le stringenti disposizioni nazionali volte ad arginare il contagio, stanno proseguendo ininterrotte le traduzioni di detenuti da penitenziario

Read More...
ospedale lamezia

Consegnati tre umidificatori ad alto flusso al reparto di bronco-pneumologia di Lamezia

Abbiamo intervistato Vincenzo Bernardi, studente al primo anno in medicina, il quale ha avviato una raccolta fondi sulla piattaforma

Read More...

Coronavirus. I migranti della Locride cuciono mascherine

Mascherine contro il coronavirus per le comunità di Camini, Sant'Ilario e Ferruzzano e, a seguire per Protezione civile, associazioni

Read More...

Mobile Sliding Menu