LameziaTerme.it

Il giornale della tua città


L’Associazione “Per te” ha i suoi locali a Lamezia Terme

2 min read
L’Associazione “Per te” ha i suoi locali a Lamezia Terme

Grazie alla disponibilità solidale della dottoressa Giuseppina Pansino l’Associazione “Per te” ha finalmente una sua sede, inaugurata proprio ieri alle 18.30 in via XXIV maggio n°20

A benedire i locali è stato proprio padre Ivano Scalise, a sottolineare come la presenza minima della realtà francescana sarà anche compagna di questa nuova realtà: la condivisione dei buoni intenti sollecita a non lasciare alcuna cosa intentata, per il meglio di tutti, potremmo dire!

Successivamente è intervenuta Caterina Bruno, che ha provveduto al taglio del nastro inaugurale nel ricordo commosso di Adele, sua cugina, vittima di femminicidio.

Adele Bruno
Adele Bruno

Proprio a questa nostra concittadina è dedicata l’associazione “Per te”, che si prefigge lo scopo di sostenere, accogliere e orientare le donne vittime di maltrattamenti, violenze fisiche e psicologiche, violenze sessuali e altre forme di abuso.

Certamente, per tutto ciò, si renderà trasversale una cultura femminile, che il Consiglio direttivo si assumerà di portare avanti attraverso iniziative e/o formazione scolastica, mirate, nella fattispecie, alla prevenzione contro la violenza di genere.

Il Presidente Francesco De Fazio, la Vice-Presidente nonché Coordinatrice Caterina Nero, il Tesoriere e Responsabile amministrativo Caterina Bruno si mostrano ottimisti di fronte ad un lavoro che già presagisce buoni frutti ai nastri di partenza.

Tutti i Soci fondatori Caterina Bruno, Giovanni Curcio, Francesco De Fazio, Caterina Nero, Maria Nicolazzo, Simona Pensabene, Stefania Perri rendono evidente l’idea che è il fare insieme la risposta comunitaria ai problemi presenti sul territorio. Durante la serata erano anche presenti tra gli altri: i Soci onorari Marianna Spadafora ed Elena Vera Stella, così come M. Cristina Ciambrone e Maria Spizzirri, rispettivamente Presidente e Tesoriere Associazione Italiana Mediatori Penali (A.I.Me.Pe.).

Una presenza oltremodo gradita è stata quella di un simpaticissimo ragazzo down, accolto con un caloroso benvenuto da parte di tutte le persone intervenute, che, prima di congedarsi, hanno generosamente abbracciato la donna che ha permesso di attivare lo spazio a favore delle donne: la dottoressa Pansino, cui va anche il mio abbraccio di affetto.

Prof. Francesco Polopoli