Azienda unica, Gianturco: “Urge discussione istituzionale per difendere il territorio”

In Sanità On
Vicenda Rom, lettera aperta di Mimmo Gianturco

Gianturco: “Penalizzati gli ospedali del lametino”

LAMEZIA. Il consigliere comunale Mimmo Gianturco interviene in merito all’integrazione dell’ospedale “Giovanni Paolo II” di Lamezia nell’azienda unica, costituita dal “Pugliese – Ciaccio” e dal policlinico universitario “Mater Domini”.

Di seguito la nota stampa:

“Con l’azienda unica l’ospedale di Lamezia verrà ulteriormente penalizzato. Quelli periferici, come ad esempio Soveria Mannelli, verranno emarginati e marginalizzati ancora di più. Questa è una decisione che non mi convince per niente, e questa scellerata ‘fusione’ è stata orchestrata proprio mentre il consiglio comunale lametino non poteva prendere posizioni a causa dello scioglimento.

Chi doveva intervenire, invece, come al solito, ha aspettato colpevolmente che venisse inferta l’ennesima pugnalata all’intero hinterland lametino. I nostri deputati sono chiamati ora a dimostrare quanto valgono. Le chiacchiere stanno a zero. Ritengo sia urgente una profonda discussione sul tema nelle sedi istituzionali preposte.

Chiedo ufficialmente ai presidenti del consiglio comunale e della III Commissione consiliare di avviare l’iter per un confronto pubblico nel Palazzo di città.

Dobbiamo difendere l’intero hinterland lametino da questa scellerata decisione.

Articoli Correlati

Laura Ferrara

La candidata Laura Ferrara (M5S) il 21 maggio a Lamezia

Martedì 21 maggio Laura Ferrara, ricandidata parlamentare europea con il Movimento 5 Stelle, parteciperà a Lamezia Terme a un’iniziativa

Read More...
fabio rampelli

Impianti sportivi. Il Vice Presidente della Camera Rampelli incontra i Commissari

Domani alle ore 15:00, incontro istituzionale fra il Vice Presidente della Camera dei Deputati, On. Fabio Rampelli e la

Read More...
Maida. Gestione illecita di rifiuti speciali in un’area agricola

Maida. Gestione illecita di rifiuti speciali in un’area agricola

Denunciata 1 persona e sequestrata un’area di 3500 metri quadri, 28 autoveicoli e parti di esse (altro…)

Read More...

Mobile Sliding Menu