Bisignano (CS). Sversavano rifiuti pericolosi, sequestrato impianto

In Cronaca On
Una pattuglia dei carabinieri Forestale

Obbligo di dimora per due dirigenti della società di gestione delle strutture

BISIGNANO (COSENZA). I Carabinieri Forestale di Cosenza, con il coordinamento della Procura della Repubblica, hanno sequestrato l’impianto di trattamento rifiuti liquidi speciali di proprietà della Consuleco srl e il depuratore comunale ubicati nel comune di Bisignano, in provincia di Cosenza.

L’attività investigativa ha portato all’emissione di due misure cautelari di obbligo di dimora nei confronti dell’amministratore e del direttore generale della Consuleco srl, società affidataria anche della gestione dell’impianto comunale di Bisignano ai quali è stato contestato il reato di inquinamento ambientale.

Secondo quanto emerso dalle indagini i due, fornendo illecite direttive ai dipendenti, anch’essi indagati, si sono resi responsabili del reiterato sversamento nel fiume Mucone di ingenti quantitativi di rifiuti speciali pericolosi.

Sono in corso perquisizioni e sequestri di materiale probatorio presso tredici siti industriali ubicati in Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia.

Articoli Correlati

Coronavirus: un caso sospetto anche in Calabria

Coronavirus: le risposte ai dubbi più frequenti su prevenzione e trasmissione

I coronavirus (CoV) sono un’ampia famiglia di virus respiratori che possono causare malattie da lievi a moderate, dal comune

Read More...
Carabinieri

Rende (CS). Minorenne gay insultata, denuncia ai Carabinieri

Episodio accaduto sul pullman in provincia di Cosenza (altro…)

Read More...
A Lamezia stage con Andrea Presti, campione internazionale bodybuilding

A Lamezia lo stage con il campione internazionale di bodybuilding Andrea Presti

Si terrà domenica 23 febbraio un evento davvero imperdibile per tutti gli appassionati di body building (altro…)

Read More...

Mobile Sliding Menu