LameziaTerme.it

Il giornale della tua città


Bitcoin contro Ethereum

4 min read
bitcoin

Tesla, Inc. sospende i pagamenti tramite Bitcoin citando preoccupazioni sull’impatto ambientale

Un nuovo riflettore sul crescente fabbisogno di consumo di energia di Bitcoin potrebbe alla fine renderlo tabù. Ethereum è un vincitore come alternativa al Bitcoin con un protocollo più efficiente dal punto di vista energetico.

Bitcoin (BTC-USD) è sceso di quasi il 17% alla notizia che Tesla Inc (TSLA) sta invertendo la rotta e sospendendo gli acquisti di veicoli utilizzando la criptovaluta. Il CEO Elon Musk ha twittato che la società si era preoccupata per il “rapido aumento dell’uso di combustibili fossili per l’estrazione e le transazioni di Bitcoin”, prendendo effettivamente una posizione ambientale contro la potenza di calcolo ad alta intensità energetica richiesta per risolvere il codice blockchain ed estrarre nuovi Bitcoin.

L’implicazione qui è che l’ultima mossa di Tesla potrebbe forzare un cambiamento nel sentiment, inserendo effettivamente Bitcoin nella lista nera ambientale, sociale e di governance.

Elon Musk Tweet Su Bitcoin

Questa è una svolta altrimenti strana per Tesla considerando che il CEO Elon Musk è stato un sostenitore vocale delle criptovalute e persino visto come un pioniere tra i leader aziendali statunitensi nello spazio. Come promemoria, solo 3 mesi fa Tesla ha annunciato di aver acquistato $ 1,5 miliardi in Bitcoin da tenere in bilancio come alternativa al contante per supportare i pagamenti dei clienti per la sua linea di veicoli elettrici.

Al momento dell’annuncio, BTC veniva scambiato a circa 40.000 dollari e ha continuato a salire fino a un massimo storico di poco meno di 65.000 dollari, probabilmente guidato in parte dall’approvazione di Tesla. Il pensiero qui era che altre società avrebbero seguito rappresentando una nuova fonte significativa di domanda di acquisto di Bitcoin che potrebbe spingere i prezzi ancora più in alto.

In effetti, Ark Investment Management guidata dal gestore di portafoglio Cathie Woods, ha pubblicato una ricerca all’inizio di quest’anno suggerendo che se tutte le società S&P 500 dovessero allocare solo l’1% del loro denaro a Bitcoin, il suo prezzo potrebbe aumentare di 40.000 dollari. Con Tesla che rivaluta il ruolo del Bitcoin e l’abbondanza di titoli che circondano questa decisione, è più difficile vedere uno scenario in cui altre società inizieranno a saltare.

Per essere chiari, ci sono aziende che utilizzano Bitcoin e altre criptovalute. In particolare, il gigante fintech Square Inc (SQ) detiene oltre 400 milioni di dollari in Bitcoin.

Detto questo, qualsiasi idea che un leader come Apple Inc (AAPL) o Amazon.com (AMZN) fosse impostato per acquistare “miliardi” di BTC da tenere in contanti e seguire le orme di Tesla, ora è stata annullata. Da tutta questa confusione, parecchi stanno cercando soluzioni su come comprare tron e altre criptovalute concorrenti.

Consumo Energetico Di Mining Di Bitcoin

La preoccupazione qui si riduce al consumo di energia del mining di Bitcoin e di ogni transazione sulla rete. Andando avanti, qualsiasi azienda coinvolta con BTC dovrà rispondere del suo ruolo indiretto nell’aggiungere una “impronta di carbonio”, che sia giustificato o meno. Secondo i dati dell’Università di Cambridge che pubblica un “indice di consumo di Bitcoin”, Bitcoin attualmente utilizza più energia del paese dell’Argentina a circa 120 TWh.

Per mettere questo in prospettiva, 120 TWh sono meno dell’1% del consumo totale di elettricità globale riportato a circa 22.315 TWh nel 2018. In altre parole, l’estrazione di Bitcoin è ancora piccola rispetto a tutti i tipi di domanda di energia industriale, commerciale e residenziale combinata.

A questo punto, il sistema bancario tradizionale con una rete globale di spazi per uffici e requisiti informatici utilizza circa 30 volte più energia rispetto al mining di Bitcoin. È significativo che Tesla ed Elon Musk, che dobbiamo credere siano ben consapevoli di questi dati, li hanno trovati abbastanza significativi da prendere una decisione strategica così drastica di abbandonare il suo programma Bitcoin.

Per essere onesti, il tweet effettivo di Elon Musk faceva riferimento a una parte dell’estrazione di Bitcoin guidata da centrali elettriche a carbone. Sebbene sia vero che questo tipo di generazione elettrica è particolarmente inquinante, è stato riferito che la maggior parte del mining di Bitcoin è già basato su energie rinnovabili, compreso l’idroelettrico.

La proverbiale carota che il tweet di Elon Musk ha lasciato alludeva alla possibilità che la società un giorno potesse accettare di nuovo Bitcoin come pagamento “non appena il mining passerà all’energia sostenibile”.

Favorevolmente, c’è un movimento di minatori di Bitcoin impegnati a utilizzare energia pulita.

Conclusione

Presumibilmente il requisito di Tesla di transizione mineraria verso l’energia sostenibile per adottare Bitcoin non potrà del tutto essere soddisfatta. Non c’è nulla che suggerisca che tutto l’estrazione mineraria dalla generazione di energia basata sui combustibili fossili sarà mai completamente eliminata. In altre parole, non trattenere il respiro per Tesla che inverte la sua decisione in qualunque momento presto.