LameziaTerme.it

Il giornale della tua città


Calabria chiama Europa. Domani convegno del PPE e dell’UDC

2 min read
Calabria chiama Europa. Domani convegno del PPE e dell'UDC

Calabria chiama Europa. Domani convegno del PPE e dell'UDC

Errore, nessun ID annuncio impostato! Controlla la tua sintassi!

FEROLETO ANTICO. Sarà il segretario calabrese dell’Udc Franco Talarico a moderare i lavori del convegno Calabria chiama Europa in programma per domani, venerdì 6 luglio 2018 al THotel di Feroleto Antico (Catanzaro), a partire dalle 16.30.

L’iniziativa vedrà anche la presenza dell’eurodeputato Lorenzo Cesa; gli altri relatori saranno Rosina Mercurio, Luca Morrone, Paola Lemma, Marco Martino.  

Talarico tiene a sottolineare che con l’incontro di domani si vorranno approfondire i temi dell’Europa.
“I Paesi dell’Unione europea non possono fare una politica isolata, occorre unirsi per i grandi temi che riguardano anche i grandi Stati come Cina, Usa e Russia”, commenta il segretario regionale dell’Udc.
Nel convegno “Calabria chiama Europa” si parlerà naturalmente anche della nostra regione, delle sue problematiche e priorità a partire dalla spesa dei fondi europei.
“I fondi comunitari sono occasione di sviluppo e di progresso, volano importantissimo per l’occupazione”, afferma Talarico che lamenta il fatto che i fondi, in Calabria, vengano investiti molto male.
Il segretario dell’Udc evidenzia l’importanza della presenza di Lorenzo Cesa all’incontro di domani al THotel.
“Con Cesa che è eurodeputato nonché componente del PPE vogliamo informare soprattutto i giovani sulle tematiche europeiste.
L’Italia non può essere lasciata sola su problematiche come l’immigrazione o i dazi imposti da altre nazioni extraeuropee”.
Lorenzo Cesa, eurodeputato del PPE ritiene che “in Europa serva una forza trainante in un percorso cristiano, moderato e improntato sulla solidarietà: questi i principi fondanti del nostro partito a livello europeo. Temi che l’Udc calabrese accoglie in pieno visto che fa parte del PPE che annovera capi di Stato in diverse nazioni dell’Ue”.
Click to Hide Advanced Floating Content