CasaPound: invece delle strade, chiudiamo le frontiere

In Politica On
- Updated

Invece delle strade, chiudiamo le frontiere è la scritta apparsa sui dispositivi fissi installati sul già martoriato manto stradale del Corso Garibaldi durante il periodo natalizio per rispondere a possibili minacce terroristiche.
Invece delle strade, chiudiamo le frontiereComunicato Stampa
Lo striscione, firmato CasaPound, è una risposta all’amministrazione reggina che rimane lontana dal prendere dei provvedimenti efficaci per contrastare un eventuale problema terroristico.
Questi dissuasori sono più un ostacolo per lo scarico merci ai negozianti e un disturbo per i passanti che un sistema antiterroristico efficace e le critiche fatte dalla cittadinanza non hanno tardato a farsi sentire” queste le parole di Federico Romeo, responsabile reggino di CasaPound.
“Non servono a nulla dei blocchi di cemento per fermare una minaccia terroristica. L’unico strumento utile – conclude – è il contrasto all’immigrazione incontrollata, prima causa dell’approdo in Europa dei terroristi. Difendiamo le nostre città, chiudiamo le frontiere”.

Articoli Correlati

Coronavirus: un caso sospetto anche in Calabria

Coronavirus: le risposte ai dubbi più frequenti su prevenzione e trasmissione

I coronavirus (CoV) sono un’ampia famiglia di virus respiratori che possono causare malattie da lievi a moderate, dal comune

Read More...
Carabinieri

Rende (CS). Minorenne gay insultata, denuncia ai Carabinieri

Episodio accaduto sul pullman in provincia di Cosenza (altro…)

Read More...
A Lamezia stage con Andrea Presti, campione internazionale bodybuilding

A Lamezia lo stage con il campione internazionale di bodybuilding Andrea Presti

Si terrà domenica 23 febbraio un evento davvero imperdibile per tutti gli appassionati di body building (altro…)

Read More...

Mobile Sliding Menu