Castrovillari. Conclusa la XIX edizione Primavera dei Teatri

In Attualità On
Castrovillari. Conclusa la XIX edizione Primavera dei Teatri

Si abbassano i riflettori sulla XIX edizione di Primavera Dei Teatri, il festival sui nuovi linguaggi della scena contemporanea, diretto da Scena Verticale.

Il cartellone mai così fitto di appuntamenti, che ha contato 26 spettacoli fra cui ben 14 prime nazionali e 3 anteprime (“Episodi di assenza 1. Prima che arrivi l’eternità- Scienza vs Religione” dei Quotidiana.com, “Calcinculo” dei Babilonia Teatri e “Nella Fossa” di Punta Corsara), è stata una vera e propria sfida raccolta dalla direzione artistica di Dario De Luca e Saverio La Ruina e quella organizzativa di Settimio Pisano.

Insieme ai molti appuntamenti con la scena le giornate di Festival sono state caratterizzate anche da intense attività laboratoriali, che spaziavano dall’approfondimento della critica teatrale con “Teatro E Critica Lab”, curato da Simone Nebbia, alle tecniche di analisi drammaturgica con “L’inchiostro invisibile” a cura di Massimiliano Civica.

Formazione anche per i più piccoli con “Dentro la bottega di Geppetto”, che ha lavorato sul teatro di Figura, diretto da Teatro della Maruca. Per la formazione dedicata agli attori (e non solo), l’osteopata Fabio Di Stefano ha diretto un corso di Voce e Postura articolato in una parte teorica e una pratica.

Novità assoluta della XIX edizione del Festival, che ritornerà nelle prossime due edizioni, è stato il progetto Europe Connection, che punta a costruire ponti fra la drammaturgia europea e la produzione artistica calabrese.

Per questa prima annualità, i drammaturghi coinvolti sono stati Tomasz Man, Roman Sikora e Alexandra Badea che hanno visto i loro testi messi in scena rispettivamente dalla compagnia Brandi-Orrico, Ciccio Aiello e Saverio Tavano.

Ad arricchire il cartellone le presentazioni dei libri “Identità sotto chiave. Lingua e Stile nel teatro di Saverio La Ruina” di Angela Albanese e “Ivrea 50. Mezzo secolo di nuovo teatro in italia. 1967-2017” edito da Akropolis Libri, premio Ubu per l’editoria teatrale, e curato da Clemente Tafuri e David Beronio.

«Si è conclusa da poco l’ultima edizione di Primavera dei Teatri, un festival che indica direzioni e domande grazie al lavoro appassionato e rigoroso di Scena Verticale – scrive Lorenzo Donati, critico di Altrevelocità – . Un lavoro di scavo e cura che porta molti gruppi a emergere. Un lavoro che tiene insieme l’asprezza individuale delle domande di quando si ricerca e lo stare in ascolto di gruppi e cori. Uno slancio, una discesa senza vedere gli orizzonti, nonostante tutto. Cadendo, inciampando, forse sbagliando strada. Stiamo correndo in discesa, non il contrario. Ricordiamocelo!».

L’appuntamento con lo storico Festival di Castrovillari è il prossimo anno per festeggiare il suo ventennale.

Articoli Correlati

Catanzaro. Incidente stradale su via Nuova Bellavista, illeso automobilista

Catanzaro. Incidente stradale su via Nuova Bellavista, illeso automobilista

Una squadra dei vigili del fuoco della sede Centrale del Comando di Catanzaro è intervenuta pochi minuti fa sulla

Read More...
Mazza e Monsignor Vincenzo Pujia.

Lamezia. L’artista Raffaele Mazza dona opera sacra all’istituto “Tommaso Fusco”

Nella cappella dell’istituto educativo Tommaso Maria Fusco, al termine della santa messa officiata da mons. Vincenzo Pujia è stata

Read More...

Vibo Valentia, rinvenute armi e droga nel vecchio Calvario di Zammarò

I carabinieri di Vibo Valentia durante un servizio mirato al controllo dei ruderi nel Comune di San Gregorio d'Ippona,

Read More...

Mobile Sliding Menu