Catanzaro, l’Accademia di Belle Arti si trasferisce all’ex Educandato

In Eventi&Cultura, Scuola On
Educandato - LameziaTerme.it

Completati i lavori di riqualificazione

Comunicato stampa:

In comune riunione presieduta dal sindaco Abramo con i vertici dell’ABA: “Tassello fondamentale per rilancio centro storico”

Educandato - LameziaTerme.it
Incontro Educandato, Catanzaro

Si stringono i tempi per il trasferimento dell’Accademia di Belle Arti nel complesso dell’ex Educandato, in pieno centro storico. Comune e ABA hanno definito il cronoprogramma che consentirà già a metà ottobre di presentare alla città lo storico edificio, un vero e proprio gioiello recuperato dall’Amministrazione comunale con un delicato e vasto intervento di riqualificazione. Parallelamente, sarà avviato – per gradi – il trasferimento delle attività dell’Accademia, operazione che dovrebbe concludersi tra la fine dell’anno e l’inizio del prossimo.

Un tassello fondamentale – lo ha definito il sindaco Sergio Abramo – della strategia di rilancio del centro storico. L’avvio a novembre dei corsi di specializzazione e dei master universitari al San Giovanni e il ritorno dell’Accademia nel cuore della città vecchia sono segnali importanti e significativi”.

I dettagli dell’operazione sono stati definiti nel corso di una riunione, svoltasi a Palazzo De Nobili e presieduta dal primo cittadino, affiancato dagli assessori alla pubblica istruzione e alta formazione, Concetta Carrozza, e ai lavori pubblici Franco Longo, dai dirigenti ing. Gennaro Amato (lavori pubblici) e arch. Andrea Adelchi Ottaviano (patrimonio).

Erano presenti, per l’Accademia, il presidente Rocco Guglielmo, il direttore Anna Russo e il direttore vicario Vittorio Politano; l’ing. Massimo Procopio in rappresentanza dell’associazione temporanea di imprese “Procopio-Tekno Cisal”, che ha completato l’opera, e il direttore dei lavori ing. Fernando Gabellini.

L’assegnazione dell’ex Educandato all’Accademia era stata deliberata dal Consiglio comunale, su proposta del sindaco Abramo, contemporaneamente all’assegnazione del piano terra del San Giovanni all’Università “Magna Graecia”, nell’ambito della strategia mirata a riportare attività universitari e di alta formazione nel centro storico.
I lavori di riqualificazione hanno riguardato i circa 3mila metri quadrati dell’edificio, articolato in quattro corpi di fabbrica e undici diversi livelli ai quali si può accedere da cinque differenti ingressi. L’entrata principale è quella di via Gelso Bianco.
Gli interventi di ristrutturazione e restauro sono stati progettati dagli studi Angotti e Tomassi e sono stati eseguiti rispettando l’eclettismo artistico e architettonico del Palazzo Fiorentino-Scoppa, uno dei centri veri e propri del rione Carmine.

Articoli Correlati

sciopero generale 16 novembre

Lamezia. Il documento ufficiale dello sciopero generale

Riceviamo e pubblichiamo il documento ufficiale e unitario di rivendicazione dello sciopero generale indetto a Lamezia Terme per domani

Read More...
Costantino Fittante

Sciopero a Lamezia, Fittante polemizza con l’antiracket

Spiace dover polemizzare con il Bi-presidente di Ala e di Trame Armando Caputo (altro…)

Read More...
commissariato polizia lamezia terme

Lamezia. Minacce e molestie alla ex compagna, arrestato 35enne

Nel pomeriggio di oggi gli agenti del Commissariato di P.S. di Lamezia Terme hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della

Read More...

Mobile Sliding Menu