Chirumbolo: “Lamezia ha bisogno di riscattarsi, lo sport può aiutare”

In Sport On

La città di Lamezia Terme si accinge a vivere un momento che rimarrà nella storia dello sport lametino.

Comunicato stampa:

Domenica prossima, 29 aprile 2018, la squadra di calcio femminile Royal Team Lamezia, oggi prima in classifica nel campionato nazionale di serie A2, incontrerà la squadra del Napoli, seconda in classifica, e se la squadra lametina dovesse vincere questa ennesima gara conquisterà definitivamente la promozione in serie A1. Un ringraziamento va a tutta la dirigenza della squadra lametina per la tenacia e per averci creduto, alla squadra che sta portando il nome della città di Lamezia alla ribalta nazionale ed alla tifoseria lametina che non ha mai fatto mancare il proprio calore e sostegno alla squadra in questo lungo ed entusiasmante campionato.

L’unica nota stonata in questo momento così importante e di festa per lo sport lametino rimane la chiusura al pubblico del Pala Sparti di Lamezia Terme, ragione per la quale la gara decisiva di domenica prossima si svolgerà lontano dalla nostra città ed esattamente nel Palasport del Comune di Pentone che ci ospiterà per disputare l’incontro.

Armando Chirumbolo

Da dirigente della Royal Team Lamezia ho preferito, in questo lungo arco di tempo, lasciare che la vicenda della chiusura degli impianti sportivi in città fosse gestita dal “Comitato si allo Sport” di Lamezia, che ha condotto e sta conducendo una validissima battaglia a tutela dello sport, per la riapertura al pubblico, anche, del Pala Sparti, ma oggi, alla luce del traguardo storico che sta per raggiungere lo Sport in città non posso più tacere.

Da politico lametino e da cittadino di questa bellissima città mi sento di rivolgere un forte richiamo alla terna commissariale, insediatasi ormai da novembre, con riferimento alla gestione dell’iter che ha portato alla chiusura degli impianti sportivi in città e, soprattutto, in riferimento alla tempistica per risoluzione della problematica.

Non vi è dubbio che il sottoscritto, così come la stragrande maggioranza dei cittadini lametini, è per la legalità ed il rispetto delle regole, e, pertanto, nulla questio se si è dovuti procedere alla chiusura di alcuni impianti sportivi perché mancanti degli accorgimenti di sicurezza previsti dalle norme di legge, ma certamente non è accettabile e giustificabile il fatto che in sei lunghi mesi il Comune non sia stato capace di risolvere tali problemi, che sappiamo essere esigui e risolvibili,  e riconsegnare alla città le sue strutture sportive, in un momento nel quale Lamezia ha, proprio, bisogno di riscattarsi e riprendere un cammino a testa alta, e lo Sport può aiutare tanto questo cammino.

Comunque, nonostante tutto, domenica prossima rimarrà nella storia dello sport lametino, in quanto per la prima volta nella storia della nostra città una squadra cittadina raggiungerà la massima serie nazionale, confrontandosi per l’ambizioso traguardo con una grande città italiana che è Napoli. Pertanto invito tutti a partecipare a questo importante e storico incontro al quale, e lo dico con un po’ di scaramanzia, mi auguro seguirà la festa per il trionfo della Royal Team in Serie A1, della città di Lamezia Terme e di tutti i cittadini lametini.

Articoli Correlati

Capistrano. Trovato con fucile e cartucce, arrestato

Capistrano. Trovato con fucile e cartucce, arrestato

Individuato dai carabinieri durante una perquisizione domiciliare (altro…)

Read More...

Aggressione razzista a Falerna: il proprietario del locale smentisce

Ultimi sviluppi sulla presunta aggressione razzista di Falerna, il proprietario del locale smentisce la versione del dominicano e della sua

Read More...

Tragedia del Pollino: i nomi e le storie delle vittime

10 le vittime accertate dell'immane tragedia che ieri ha sconvolto le vite di un gruppo di escursionisti (altro…)

Read More...

Mobile Sliding Menu