Cinema, David di Donatello: la miglior regia al film “A Ciambra”

In Eventi&Cultura, Ultime notizie On
- Updated

Il film sui rom di Jonas Carpignano vince il David di Donatello

ROMA. “A ciambra”, il film sui rom di Gioia Tauro ha vinto il premio David di Donatello per la miglior regia. A ritirare il premio lo stesso regista, l’italo-americano Jonas Carpignano. Decisamente un grande risultato ottenuto da “LuCa” ovvero da Calabria e Lucana Film Commission che hanno sostenuto il progetto cinematografico del film. “A ciambra” racconta la vita dei rom di Gioia Tauro. Al centro della storia c’è Pio, un ragazzino rom che è uno dei pochi in grado di integrarsi tra le varie realtà del luogo: gli italiani, gli immigrati africani e la sua gente. Pio segue ovunque suo fratello Cosimo, imparando il necessario per sopravvivere sulle strade della sua città. Quando Cosimo scompare la vita di Pio cambia: il ‘ragazzo di vita’ che vive nel ghetto rom, nel cuore della Calabria, dovrà dimostrare di essere in grado di assumere il ruolo di suo fratello e decidere se è veramente pronto a diventare uomo.

Jonas Carpignano, appena trentenne, nipote diretto del celebre regista italiano Luciano Emmer, di madre afroamericana e padre italiano ha vissuto e studiato in Italia e negli Stati Uniti. Attualmente vive e lavora come scrittore, regista e produttore a Gioia Tauro in Calabria dove fino ad ora ha diretto e prodotto due cortometraggi e due lungometraggi che hanno attratto le attenzioni anche del Sundance festival di Robert Redford. A distanza di due anni da “Mediterranea”, il suo film di esordio alla Semaine de la Critique, il giovane regista italoamericano Jonas Carpignano ha presentato “A ciambra” anche all’ultimo festival di Cannes. Il progetto è nato sul successo dell’omonimo cortometraggio che ha incantato Cannes nel 2014 (Semaine de la Critique) vincendo il Discovery Prize e ha ottenuto una menzione speciale ai Nastri d’Argento. La sceneggiatura del lungometraggio è stata sviluppata con l’aiuto della Cinefondation Residence du Festival de Cannes, del Torino Film Lab (che gli ha assegnato il premio Artè) e del Next Step Program della Semaine de la Critique. Il film, oltre al finanziamento del progetto “LuCa” ha ricevuto anche sostegno dal Mibact (riconoscimento d’ interesse culturale per giovani autori) e di Rai Cinema.

Stayblack productions che produce il film ha stabilito inoltre due accordi per la distribuzione internazionale, uno in Germania con la DCM Film Distribution e l’altro in Francia con Haut et Court. “A Ciambra” ha già ottenuti importanti riconoscimenti come il premio “Europa Cinemas Label” vinto a Cannes e destinato a un film europeo in cartellone alla Quinzaine des Réalisateurs. Il film, inoltre, negli Stati Uniti è distribuito dalla fondazione Sundance Film Festival.

Redazione

Articoli Correlati

Carlo Tansi: è partita la sagra delle solite promesse?

Ad un mese dalle elezioni spuntano le graduatorie di tirocini per inclusione sociale, sarà forse un caso? (altro…)

Read More...
Fiamme Oro

Lamezia. Prossima apertura della nuova Sezione Fiamme Oro

La Questura di Catanzaro, dopo aver inaugurato nello scorso mese di gennaio nella città capoluogo, alla presenza del Capo

Read More...
suolo agricolo

Coldiretti: continua l’emorragia di suolo agricolo in Calabria

Nell’ultimo trentennio in Calabria si è registrata una riduzione del 35% della SAT (Superficie Aziendale  Totale) e il 25% 

Read More...

Mobile Sliding Menu