Coldiretti. Apicoltura: occorre far volare le api della Calabria

In Politica On
Coldiretti. Apicoltura: occorre far volare le api della Calabria

Il comparto apistico regionale con oltre 400 imprese apistiche, circa 78.000 alveari censiti una produzione di più di 2.500.000 Kg di miele, genera un valore alla produzione di 15 milioni di Euro.

E’ inestimabile poi il contributo economico che le api danno alle coltivazioni agrarie e dell’ecosistema per il servizio d’impollinazione e quindi all’equilibrio naturale, con effetti anche sulla salute e l’alimentazione.

Il mese di agosto, appena trascorso- rileva Coldiretti –  è stato uno dei mesi più preoccupanti per gli apicoltori calabresi nel garantire il benessere delle api e la salvaguardia del patrimonio apistico regionale; in un periodo durante il quale notoriamente le api rallentano la loro attenzione alla bottinatura sui fiori per una drastica riduzione degli stessi a causa del caldo o di fenomeni siccitosi.

Coldiretti. Apicoltura: occorre far volare le api della Calabria
 La moria delle api

Gli anomali andamenti climatici, caldo-umido dovuto ai frequenti brevi temporali,  – continua – hanno favorito uno inconsueto proliferare di afidi ed altri parassiti sulle piante, che aggrediti emettono una sostanza zuccherina molto prelibata per le api diventando una fonte quasi esclusiva di bottinatura ed alimentazione.

Tale condizione però espone  le api ad avvelenamenti anomali per la presenza di residui chimici in eccesso e ciò  – rimarca Coldiretti – crea veri e propri disastri ambientali: in poche parole la moria delle api. In ragione di ciò, diventa fondamentale l’uso consapevole e professionale dei fitofarmaci da utilizzare in difesa delle piante e questo comporta la contestuale salvaguardia dell’ambiente.

Agricoltori non ci si improvvisa e il “fai da te” è sempre un pericolo in agguato poiché, si bypassano gli obblighi e si ignorano i rischi.

E’ certamente importante il contributo tecnologico e della ricerca ma degna di attenzione  – consiglia Coldiretti – deve essere la conoscenza professionale che tutti devono avere nell’esercizio dell’attività agricola.

“Occorre far volare le api- avverte Molinaro Presidente di Coldiretti Calabria – e quindi serve intensificare i controlli sulla corretta tenuta del quaderno di campagna, sull’osservanza delle norme di commercializzazione dei prodotti fitosanitari e sulle corrette procedure di utilizzo”.

Coldiretti chiede pertanto alla Regione di intensificare e potenziare il sistema dei controlli tramite la rete fitopatologica, all’ ARSAC mediante i servizi tecnici e di divulgazione ma anche le ASP, i N.O.E. (Nucleo Operativo Ecologico dei Carabinieri) e i N.A.S. (Comando Carabinieri per la Salute) possono svolgere un ruolo positivo e propositivo.

La Calabria è regione green con una forte e diffusa biodiversità e sulla difesa ambientale e la salubrità delle produzioni agricole, che sono autentici punti di forza, deve caratterizzarsi per tolleranza zero.

Articoli Correlati

Lamezia, gli avvocati votano per il nuovo consiglio dell’ordine forense

LAMEZIA. L’ordine forense lametino rinnova i suoi organismi. Stamattina si sono svolte le prime operazioni di voto che proseguiranno

Read More...

‘Ndrangheta, è irreperebile il boss Francesco Pelle di San Luca

SAN LUCA. Il boss della 'ndrangheta Francesco Pelle detto "Ciccio Pakistan" si è reso irreperibile, ed è attualmente latitante,

Read More...

Platania. Taglio abusivo di piante in un bosco di proprietà’ privata

PLATANIA. Denunciata 1 ditta boschiva e il conduttore del terreno e sequestrata un’area di circa 2000 mq. (altro…)

Read More...

Mobile Sliding Menu