Coldiretti: il “glifosato zero” attuato in Calabria si dimostra una scelta vincente

In Attualità On

Tante e troppe volte ci troviamo in fondo alle classifiche, ma per quanto riguarda la messa al bando dell’uso del glifosato possiamo dire che la Calabria è la prima regione in Italia e in Europa e forse nel mondo che ha vietato l’uso di questa molecola. 

Questo – commenta Molinaro – ha maggior valore in riferimento alla condanna in Usa della Monsanto, a pagare 289 milioni di dollari a favore di uomo ammalato di tumore. La Regione Calabria nei Disciplinari di produzione integrata delle infestanti e pratiche agronomiche a partire dal 2016 ha proibito il “glifosato” e l’agricoltura calabrese si è qualificata sui mercati con produzioni “glyphosate zero” e quindi confermando  alti standard qualitativi, si è resa garante della sicurezza alimentare e questo ha inciso notevolmente sulla valorizzazione delle nostre produzioni. Un risultato fortemente voluto da Coldiretti e condiviso dal Dipartimento Agricoltura della Regione Calabria– sottolinea Molinaro– che ci pone ai primi posti sempre di più quale territorio vocato al biologico e a produzioni di qualità eco-sostenibili e ci caratterizza come regione green: un sicuro valore aggiunto che già gli agricoltori, in particolare quelli della rete di “Campagna Amica”, stanno spendendo efficacemente sul mercato con effetti positivi”.

 

Articoli Correlati

Comune Lamezia Terme lutto cittadino

Lamezia. Commemorazione 74° Anniversario della Liberazione

Si rende noto che la Commissione Straordinaria nella persona del Presidente Dott. Francesco Alecci presienzerà personalmente alle cerimonie di

Read More...
bastione di malta

Gigliotti (Italia Nostra), nessun colpevole per l’incuria dei beni culturali lametini

Riceviamo e pubblichiamo nota stampa da parte di Gigliotti, presidente della sezione lametina di Italia Nostra (altro…)

Read More...
Crotone. Sequestrata mezza tonnellata di bianchetto

Crotone. Sequestrata mezza tonnellata di bianchetto

Elevata a conducente sanzione di 25 mila euro, prodotto distrutto (altro…)

Read More...

Mobile Sliding Menu