Coldiretti: il “glifosato zero” attuato in Calabria si dimostra una scelta vincente

In Attualità On

Tante e troppe volte ci troviamo in fondo alle classifiche, ma per quanto riguarda la messa al bando dell’uso del glifosato possiamo dire che la Calabria è la prima regione in Italia e in Europa e forse nel mondo che ha vietato l’uso di questa molecola. 

Questo – commenta Molinaro – ha maggior valore in riferimento alla condanna in Usa della Monsanto, a pagare 289 milioni di dollari a favore di uomo ammalato di tumore. La Regione Calabria nei Disciplinari di produzione integrata delle infestanti e pratiche agronomiche a partire dal 2016 ha proibito il “glifosato” e l’agricoltura calabrese si è qualificata sui mercati con produzioni “glyphosate zero” e quindi confermando  alti standard qualitativi, si è resa garante della sicurezza alimentare e questo ha inciso notevolmente sulla valorizzazione delle nostre produzioni. Un risultato fortemente voluto da Coldiretti e condiviso dal Dipartimento Agricoltura della Regione Calabria– sottolinea Molinaro– che ci pone ai primi posti sempre di più quale territorio vocato al biologico e a produzioni di qualità eco-sostenibili e ci caratterizza come regione green: un sicuro valore aggiunto che già gli agricoltori, in particolare quelli della rete di “Campagna Amica”, stanno spendendo efficacemente sul mercato con effetti positivi”.

 

Articoli Correlati

commissariato polizia lamezia terme

Lamezia: 23 soggetti deferiti per diffamazione aggravata sui social

Attività della polizia locale negli ultimi cinque giorni: 26 denunce per vari reati; controllati circa 100 veicoli con autoscan

Read More...
basta degrado, iniziativa MTL

Cristiano (MTL): L’ASP certifica il danno ambientale, ora la riduzione della TARI

Siamo stati di parola e sull'emergenza rifiuti non ci siamo limitati all'articolo di stampa ma abbiamo intrapreso una battaglia

Read More...
carruacciu

I carrioli a pallini: giochi di una volta

Alcuni Comuni virtuosi li strappano alla categoria dei giochi dimenticati riconsegnandoli alle nuove generazioni, come quello di Milo, in

Read More...

Mobile Sliding Menu