LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

Presentato collegamento multimodale Catanzaro Lido-Germaneto-Aeroporto

2 min read

Collegamento multimodale, Oliverio: “saranno spesi 160 milioni per l’armamento iniziale e l’ammodernamento della linea e poi 150 milioni per l’elettrificazione”.

LAMEZIA. La realizzazione del “Collegamento Multimodale Aeroporto di Lamezia Terme-Stazione di Lamezia Terme Centrale-Germaneto-Catanzaro Lido” è stata illustrata oggi dal presidente della Giunta, Mario Oliverio, e dal presidente della commissione straordinaria del comune di Lamezia Terme, Francesco Alecci.

Il progetto, che come ha spiegato Alecci era già stato stipulato in passato con il Programma RFI e con fondi del POR 2014/2020, mirerà a rendere più moderno, veloce e dinamico lo snodo logistico lametino che è il più importante della regione sia per il traffico interno che per quello esterno.

In totale i fondi stanziati per i lavori legati ai trasporti in Calabria sono pari a 300 milioni di euro, per quel che concerne il collegamento multimodale,ha spiegato il presidente Oliverio, “saranno spesi 160 milioni per l’armamento iniziale e l’ammodernamento della linea e poi 150 milioni per l’elettrificazione”.

L’opera andrà a incidere in maniera radicale sulla gestione dei trasporti regionali in quanto metterà in diretta comunicazione il capoluogo, la stazione centrale di Lamezia Terme e l’aeroporto internazionale, vale a dire tre punti nevralgici del trasporto e delle comunicazione in Calabria e da e verso l’esterno. Il tempo totale di percorrenza sarà di 30 minuti e la linea si configurerà come una vera e propria metropolitana di superficie.

Il presidente Oliverio ha sottolineato che i lavori saranno completati entro il 2020, al massimo entro la prima metà del 2021. “Il progetto è stato programmato proprio a Lamezia perché questa città è uno nodo importante per la mobilità interna alla regione ed esterna. Con questo collegamento infatti si riducono i tempi di percorrenza si alza la velocità e si realizza una velocizzazione della percorrenza”.

Dal canto suo, il commissario Alecci ha fatto il punto sul ruolo giocato dal comune, spiegando che l’ente ha aderito “dopo aver preso atto  che il tracciato rispecchia quello che da tempo la comunità di Lamezia Terme desiderava, cioè il mantenimento delle stazioni ferroviarie di Nicastro e Sambiase e il completamento della sistemazione logistica nella stazione centrale a Sant’Eufemia che permetterà anche una razionalizzazione degli spazi immediatamente esterni che oggi sono un po’ sofferti e trafficati da troppi fruitori”. In sostanza, oltre a snellire il trasporto a livello regionale, questo progetto andrà a porre fine “alla situazione disordinata che c’è oggi. Ci siamo posti in continuità con le decisioni precedentemente espresse, si razionalizza il tracciato attuale velocizzandone il percorso”.

All’incontro di presentazione del progetto, oltre al presidente Oliviero e al commissario Alecci, hanno preso parte assessori regionali e dirigenti, il commissario straordinario del comune di Lamezia Terme Rosario Fusaro, il segretario generale del comune Maurizio Ceccherini e il presidente della provincia di Catanzaro, Enzo Bruno.

Redazione