LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

Comitato Lamezia 4 Gennaio: necessaria una nuova gestione Sacal

2 min read

“L’aeroporto di Lamezia Terme” delle origini è stato trasformato in SACAL solo ed esclusivamente per ovvi motivi di politica regionale e certamente non per motivi di esigenze aziendali giacché, in questo caso, sarebbe stata una scelta suicida quella di determinare l’aggregazione alla società di altre strutture estranee, di cui una fallita ed una che presenta stabilmente consistenti e costanti deficit pluriennali di bilancio.

La vera finalità di SACAL non è certamente quella di gestire un aeroporto internazionale con criteri di effettiva professionalità diretti alla necessità di assicurare un servizio pubblico degno di questo nome nonché alla produzione di utili per i soci (ed in particolare per il Comune di Lamezia Terme) e con la previsione, quindi, di soli investimenti produttivi.

Il suo vero scopo (dimostrato dalla volontà di non investire, e così è stato sia ieri che oggi) in sostanza è quello di strumentalizzare la struttura solo per distribuire, nomine ed incarichi  a personaggi, le cui professionalità e capacità nello specifico settore di attività non importano, ma caratterizzati da provata appartenenza.

Così si è potuto realizzare, in maniera assolutamente irrazionale, l’assurda divisione dei  finanziamenti europei sui tre aeroporti regionali come se tutti avessero eguale attività.

Ed altrettanto si è potuto determinare indirizzando, finanziamenti corposi di oltre trenta milioni di euro, agli altri due aeroporti e non a quello di Lamezia Terme ove la nuova aerostazione era ed è indiscutibilmente una inderogabile necessità.

L’interesse di favorire la costituzione di SACAL ha fatto ritardare il progetto, in parte finanziato con fondi europei, che oggi apprendiamo definitivamente persi per ingiustificabili ritardi di progettazione e di esecuzione.

Chi è stato in questi anni attore protagonista o di secondo piano in questa vicenda non può certamente essere definito amico della nostra Città, perché l’aeroporto avrebbe dovuto essere e dovrà essere il volano dello sviluppo non solo di Lamezia Terme ma direttamente dell’intero territorio lametino, come porta internazionale della Calabria.

E’ perciò, indifferibile una nuova gestione, affidata ad un professionista lametino di provata specifica esperienza, della società nella quale il Comune di Lamezia Terme ed il principale socio privato, lametino, garantiscano la difesa degli interessi dell’aeroporto di Lamezia Terme e della stessa Città, finora platealmente ignorati.

L’Amministrazione civica provveda quanto di sua competenza e la cittadinanza e le varie associazioni civiche siano pronte a denunciare pubblicamente ed energicamente manovre o ostacoli da parte di chiunque tentasse nuovamente di imporre nomine dettate da interessi diversi da quelli della crescita dello stesso aeroporto e  della Città di Lamezia Terme.