LameziaTerme.it

Il giornale della tua città


Malati cronici Lamezia: pazienti privati di servizi sanitari essenziali

2 min read
Errore, nessun ID annuncio impostato! Controlla la tua sintassi!

L’associazione malati cronici del lametino è sempre più, grazie al crescente numero di associati, punto di riferimento di quanti sentono di essere privati di servizi sanitari essenziali e si trovano nelle condizioni di non potere recarsi negli studi privati pagando somme ingenti

Comunicato Stampa

E’ quanto sta accadendo per tanta gente che soffre di:

– psoriasi
– acne
– vitiligine
– dermatite da contatto
– Dermatite Atopica/ Eczema Atopico
– orticaria acuta e cronica
– mastocitosi cutanea
– emangiomi e malformazioni vascolari a sede cutanea
– malattie immunomediate e autoimmuni (pemfigo, pemfigoide, malattie bollose sia acquisite che congenite/genetiche)
– malattie genetiche rare con manifestazioni cutanee
– Malattie Sessualmente Trasmesse
– patologie della mucosa orale
– patologie delle unghie e dei capelli
– cheratosi attiniche
– neoplasie cutanee (carcinomi cutanei, melanomi, linfomi cutanei, etc).

I lametini del comprensorio,un’utenza di circa centomila abitanti, sono ormai da anni privati del servizio di dermatologia a meno che non decidano di accettare,dopo alcuni mesi dalla prenotazione,di andare a Chiaravalle oppure a Girifalco.

Eppure a Lamezia Terme c’è ancora la targhetta con l’ambulatorio di dermatologia,crediamo ci siano anche gli strumenti operativi e forse anche qualche figura professionale. Mancano i medici. Un tempo se ne contavano almeno tre di dermatologi ora nemmeno l’ombra.

Abbiamo sempre sostenuto come logica e buon senso presupporrebbero che la medicina territoriale, e la dermatologia rientra in questa sfera,debba girare intorno al malato.

Già suona strano parlare di medicina del territorio e dirottare i pazienti a decine e decine di km con tutte le conseguenze e le spese implicite.

L’organizzazione sanitaria deve avere come obiettivo privilegiato il paziente. Non è assurdo solo pensare che migliaia e migliaia di persone debbano spostarsi in un ambulatorio che dista 50/60 km?

Non sarebbe più giusto che fosse un solo medico a recarsi dove sono i pazienti?

Inoltre, un presidio ospedaliero come quello lametino, avrebbe necessità della presenza del dermatologo per tutte le consulenze necessarie.

Come non può essere ignorata la richiesta di dermatologia pediatrica,tanto desiderata da molte mamme che spesso non sanno a quale santo votarsi.

Click to Hide Advanced Floating Content