Sabato 20 il convegno sulla messa in sicurezza del territorio

In Politica On
Associazione degli ex Parlamentari della Repubblica

Organizzato in collaborazione dall’Associazione degli ex Parlamentari della Repubblica – Coordinamento Calabria e dall’Associazione fra ex Consiglieri Regionali della Calabria, si terrà sabato 20 Gennaio presso l’Hotel Lamezia di Lamezia Terme, con inizio alle ore 9,30, un incontro pubblico sul tema:la messa in sicurezza del territorio: un programma organico di intervento.

Associazione degli ex Parlamentari della Repubblica
Associazione degli ex Parlamentari della Repubblica

All’iniziativa, che sarà presieduta dall’on. Costantino Fittante – per gli ex Parlamentari e dal dott. Stefano Prioro – per gli ex Consiglieri Regionali, interverranno: l’on. prof. Massimo Veltri – già Senatore e Membro della Commissione “Territorio- Ambiente – Beni Ambientali”, il dott. Carlo Tansi – Responsabile Regionale della Protezione Civile, il dott. Mario Pileggi – Geologo, dell’Associazione “Amici della Terra” e l’on. dott. Domenico Papaterra – Componente della Giunta Esecutiva Federazione Parchi e Presidente del Parco del Pollino.
All’incontro sono stati invitati gli aderenti alla due Associazioni, il Presidente del Consiglio Regionale, il Presidente e gli Assessori della Giunta Regionale, i Consiglieri Regionali della Calabria, i Sindaci e il Presidente dell’Anci Calabria, i Sindacati, i Rappresenetanti delle categorie professionali (Geologi, Ingegneri, Agronomi, ecc.), i Presidenti dei Consorzi di Bonifica, i Rappresentanti delle Organizzazioni Ambientaliste, ecc..
Scopo dell’incontro è quello di fare il punto sulle condizioni del territorio della Calabria e delineare un modo di intervenire per metterlo il più possibile in sicurezza, specie sotto il profilo idrogeologico.
Il territorio calabrese è fragile e soggetto ad alluvioni, terremoti e, anche per l’incurio e la mancata cura dell’area boscata, a incendi devastanti come quelli sviluppatesi l’estate scorsa.
Tra le grandi risorse di cui dispone, c’è da annoverare l’acqua chè una grande ricchezza e contemporaneamente il nostro dramma.
Non viene raccolta (bisogna ricordare che sono rimaste incompiute da diversi anni ben quattro dighe) e si disperde mentre potrebbe assicurare, se razionalmente distribuita, adeguati consumi domestici e irrigui.
Il complesso delle problematiche e delle opportunità che il territorio calabrese presenta, necessitano di interventi programmati, abbandonando quelli estemporanei ed emergenziali che servono solo per tamponare situazioni di rischio (vedi le frane) ma non a sistemare aree vaste e pezzi di territorio.

Articoli Correlati

Gioia Tauro, Di Maio: lo Stato restituisca la vita a De Masi

GIOIA TAURO. "Lo Stato deve restituire la sua vita a Nino De Masi. Fa effetto vedere una camionetta dell'Esercito

Read More...
Calabria. Graduatoria bloccata per i 67 vincitori del concorso autisti 118

Calabria. Graduatoria bloccata per i 67 vincitori del concorso autisti 118

La graduatoria di questo concorso pubblico, uscita il 27 dicembre 2017, risulta temporaneamente ed inspiegabilmente bloccata nonostante le innumerevoli

Read More...
Vibo, ancora disservizi in ospedale: la denuncia di Azione Identitaria

Vibo, ancora disservizi in ospedale: la denuncia di Azione Identitaria

VIBO VALENTIA. Azione Identitaria denuncia i disservizi dell’ospedale Jazzolino. (altro…)

Read More...

Mobile Sliding Menu