LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

Coronavirus. Comune Aiello Calabro avvia attività di screening per contrastare il contagio

2 min read
Coronavirus. Comune Aiello Calabro avvia attività di screening per contrastare il contagio

Sono stati eseguiti cento test sierologici per comprendere quante persone potrebbero essere venute a contatto con il virus

Comunicato Stampa

A sottoporsi al test dipendenti del Comune, medici di famiglia, commercianti, farmacisti, parrucchieri e chi lavora a contatto con il pubblico. Un’iniziativa del sindaco Franco Iacucci che, insieme al vicesindaco Luca Lepore e all’assessore Olga Terranova, ha deciso di iniziare questa “fase 2” puntando, ancora una volta, sulla prevenzione.

“Si riparte. E lo facciamo in massima sicurezza con la speranza di tornare presto alla normalità. Il test, lo sappiamo, non è una patente di immunità ma rivelano se si è entrati in contatto con il virus. I risultati – spiega il sindaco di Aiello Calabro Franco Iacucci – vengono trasmessi al Dipartimento di Prevenzione dell’Asp di Cosenza e in caso di positività si procederà con l’esecuzione del tampone faringeo. In questo modo avremo un quadro più chiaro della situazione epidemiologica del territorio. Proprio in questa fase delicatissima non dobbiamo abbassare la guardia e con la massima prudenza bisogna evitare la diffusione del contagio.

Siamo uno dei primi Comuni in Calabria ad effettuare questi test che grazie alla rilevazione di IgM e IgG misurano la presenza nel sangue di anticorpi per il Covid-19. Questi test – sottolinea Franco Iacucci -, nonostante non possano essere considerati sostitutivi al test molecolare, sono uno strumento prezioso per ripartire dopo la fase di lockdown. I Comuni sono lasciati soli in questa battaglia nonostante i sindaci siano poi gli esecutori sul territorio, nonché i responsabili della salute pubblica.

Siamo rammaricati, però, di non poterli fare all’intera popolazione: le casse comunali non ce lo permettono. Ma effettuarli sui lavoratori a contatto con il pubblico è già una grande opportunità a tutela della salute degli aiellesi e potrebbe evitare il nascere di eventuali focolai”.