Martedì 14 Luglio 2020

LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

Coronavirus. Sui tirocinanti? Continua a registrarsi il nulla di fatto

1 min read
motori-lamezia

In Calabria il tema del precariato ha come parti deboli e pertanto lese la categoria dei “Tirocinanti”

Comunicato Stampa

Sono uomini e donne, giovani e meno giovani, che assicurano quotidianamente la propria prestazione d’opera frutto di professionalità che rischiano seriamente, nel futuro, di disperdersi.

Prestano principalmente servizio presso Enti Ministeriali “Giustizia,Miur,Mibact” ed “Enti Locali”. E’ importante sottolineare che questi “Tirocinanti” hanno diritto ad alcun trattamento previdenziale e contributivo e che il loro futuro viene costantemente mantenuto in bilico per finalità puramente elettorali, come pacchetto di voti s’intende e nient’altro più.

Il Governo centrale da sempre si è dimostrato ostile nell’affrontare la questione dei tirocinanti, che è bene sapere, si tratta di una categoria che permane in tutte le regione dell’Italia (Nel Lazio ad esempio dal 2010).

La Regione Calabria, sul proprio versante, si giustifica attribuendo ogni responsabilità della precarietà di questi “Tirocinanti” al Governo centrale stesso, in poche parole c’è un rimpallo di colpe che nuoce seriamente al trovare soluzioni concrete sul futuro dei “Tirocinanti Calabresi”.

La categoria dei ” Tirocinanti” dal Governo centrale è stata esclusa dal “Decreto Cura” e con questo è più evidente come la categoria dei “Tirocinanti” siano ignorate da qualsiasi agenda del giorno da parte del Governo centrale.

Per concludere si può dire che la vita dei “Tirocinanti Calabresi” non è per nulla piacevole e che il loro calvario “da precari” continua nell’illusione di un’avvenire migliore, lavorativamente parlando.