LameziaTerme.it

Il giornale della tua città



Il corvo e la volpe: Fedro la(me)tino

3 min read
Il corvo e la volpe

Corvino e volpino come il vino: in dialecto veritas! Favola da enoteca, si fa per dire: prosit al vernacolo!

Riscrittura in dialetto

Chini ti prèja davanti,
ti piggljia ppi llu culu,
parrandu ccu rispettu!

’Nu cùarvu era ’mpacchjiàtu a ’na cima d’arvuru
ppi mangiari ’nu murzicchjiu di fhurmaggiu
cà avìa arrubbàtu di ’na fhurnesta vicina.
’U vidi ’na vurpi e cci dissi:
«Cchi pinni lucenti cà tìani, cumpari mia!
E cchi purtamentu e vòrtu bìalli,
’un c’è mancamentu!
Si tuni avèra avutu ’na bella vuci,
eri ’u primu ’i tutti aggilluzzi,
ma tuttu ’un si po’ avìri,
è puru giustu accussì!»
’U cuarvu, mianzu ’nzurfàtu,
rapiriu lla vucca,
ppi fhari sintìri ’u cantu sua
e si fici cadiri chillu casu
tantu bùanu
cà avìa alla punta du beccu.
’A vurpi su ricugljìu e su mangiàu subitu,
alla facci sua!
Cchi sperta, una, e cchi ciòta l’atra:
vùa cchi dicìti!?

Postilla etimologica: prijari discende dal lat. tardo prĕ(ti)are, der. di pretium v.[…] com. Esaltare, lodare, celebrare: «De l’un dirò, però che d’amendue Si dice l’un pre(g)iando» (Dante). Persino l’autore della Divina Commedia si prijava!!!
Modi di dire: «L’adulazione è una moneta falsa, che ha corso soltanto a cagione della nostra vanità» (François de La Rochefoucauld).

Versione di Fedro
Qui se laudari gaudet verbis subdolis,
Fere dat poenas turpes poenitentia.

Cum de fenestra corvus raptum caseum
Comesse vellet, celsa residens arbore,
5 Vulpes hunc vidit, deinde sic coepit loqui:
«O qui tuarum, corve, pennarum est nitor!
Quantum decoris corpore et vultu geris!
Si vocem haberes, nulla prior ales foret».
At ille stultus, dum vult vocem ostendere,
10 Emisit ore caseum, quem celeriter
Dolosa vulpes avidis rapuit dentibus.
Tunc demum ingemuit corvi deceptus stupor.

[Hac re probatur quantum ingenium valet;
Virtute semper praevalet sapientia].

Traduzione in italiano
Chi si compiace di falsi elogi,
di solito lo paga, se ne pente e si di vergogna.

Il corvo si appollaio in cima ad un albero
con l’intenzione di mangiare un pezzo di formaggio
che aveva rubato da una finestra.
Lo vide una volpe che si mise a dire:
«Che lucentezza hanno le tue penne, corvo!
Che nobile portamento e che bel volto!
Se tu avessi una bella voce saresti il primo degli uccelli».
Allora il corvo volle far sentire la sua voce,
aprì il becco … e lasciò cadere il formaggio
che la volpe astuta fu pronta ad afferrarlo con i sui denti avidi.
Solo allora il corvo ingannato si rese conto della sua stupidità.

Vale più l’accortezza e l’intelligenza della forza.

A don Giancarlo Leone, mio professore liceale oltre che caro dispensatore di curiosità e tradizioni nostrane: le radici, in lui, hanno la santa benedizione, alleluia!
Alla professoressa Ines Pugliese, il cui spirito gioviale amo custodire in un segnalibro che serba le parole di una sua poesia. Emozioni che hanno voce, grazie!
A Sabrina Mazza, amica straordinaria che mi rimanda ad un percorso spensierato e fruttuoso, tanto per me che per lei. Ci accomuna un’Oasi dove gli studi ed i sorrisi hanno ben forgiato le nostre esistenze: i mattoni li abbiamo lasciati lì ed ancora, quando mi ritrovo al di qua del Ponte di Sant’Antonio, sollevo lo sguardo per rivederci. Un piccolo grande miracolo di memorie: sempre assicurato…

Prof. Francesco Polopoli

Click to Hide Advanced Floating Content