Cosenza. Arrestati per tentata estorsione soggetti vicini al Clan Perna

In Cronaca On

Estorsione di una cospicua somma di denaro a imprenditore edile

Giannone uscita

Comunicato stampa:

Nella prima mattinata odierna, al culmine di un’articolata indagine, la Squadra Mobile della Questura di Cosenza ha dato esecuzione all’Ordinanza di applicazione di misura cautelare (arresti domiciliari) nr. 3864/17 R.G.N.R. – nr. 2904/17 R.G. G.I.P. – nr. 170/17 R.M.C. G.I.P. emessa in data 2 ottobre 2017 dal G.I.P. presso il Tribunale di Catanzaro dr. Antonio BATTAGLIA su richiesta di questa Procura della Repubblica – Direzione Distrettuale Antimafia (Sost. Proc. Dr. Camillo FALVO), a carico dei 2 sottonotati soggetti, ritenuti responsabili dei delitti di cui agli artt. 81, 110, 56 e 629 comma 3 nr. 1 c.p. e 7 Legge 203/91:

  1. GIANNONE Salvatore, di anni 51, di Fuscaldo, commerciante;
  2. CHIANELLO Attilio, di anni 33, di San Lucido (CS), imprenditore edile.

Più specificamente, le indagini hanno accertato che i due, in concorso tra loro, nel mese di giugno scorso, avevano minacciato, avvalendosi di modalità di tipo mafioso, un imprenditore edile della zona, al fine di costringerlo a pagare una somma di denaro a titolo estorsivo.

In particolare, nel mese di giugno scorso il CHIANELLO, amministratore di fatto della società Eurocostruzioni srl, impresa a cui la vittima aveva subappaltato l’effettuazione di alcuni lavori edili riguardanti un appalto pubblico che lo stesso si era aggiudicato a Rende (CS), aveva cominciato a pretendere da questi il pagamento di un’ulteriore somma di 27.000 euro, asseritamente a titolo di saldo per i lavori effettuati, ma in realtà avente una sola finalità estorsiva.

Al CHIANELLO ben presto si affiancava il GIANNONE, il quale, evocando l’appartenenza al gruppo criminale di riferimento (il clan PERNA di Cosenza) e avvalendosi della forza intimidatrice derivante dagli espliciti riferimenti all’interessamento alla vicenda del fratello, GIANNONE Giovanni, inteso u gaddrinaru, esponente di primo piano del citato clan, e delle conseguenze violente che la vittima e i suoi familiari avrebbero subito qualora egli non avesse ceduto alla richiesta estorsiva, interveniva nella vicenda minacciando pesantemente, con chiare modalità mafiose, il citato imprenditore affinchè ottemperasse subito alla corresponsione del denaro.

Le indagini, condotte dalla Squadra Mobile di Cosenza e coordinate da questo Ufficio di Procura, che si sono avvalse di diversi presidi tecnici, hanno consentito di raccogliere gravi e determinanti elementi di colpevolezza a carico dei sopra notati soggetti nei cui confronti poi il G.I.P. ha emesso il citato provvedimento restrittivo.

Catanzaro, 4 ottobre 2017

Articoli Correlati

Inagibilità impianti, Conad Lamezia non iscrive squadra al campionato di A2

Inagibilità impianti, Conad Lamezia non iscrive squadra al campionato di A2

L’ennesimo rinvio, l’ennesimo nulla di fatto, l’ennesima dimostrazione di incompetenza e di superficialità, di menefreghismo e di incapacità amministrativa.

Read More...
Lamezia. Attività del Ser-D nelle scuole contro le dipendenze patologiche

Lamezia. Attività del Ser-D nelle scuole contro le dipendenze patologiche

Si è concluso il progetto “Scuole Amiche” messo a punto dal SerD di Lamezia Terme, per l'anno accademico 2017/2018,

Read More...
D'Ippolito (M5S) a Scura: "Blocchi gli atti che fermano il rilancio della sanità lametina

D’Ippolito (M5S) a Scura: Blocchi gli atti che fermano il rilancio della sanità lametina

Nota stampa del deputato M5s Giuseppe d'Ippolito sullo spostamento delle attrezzature ospedaliere a Soverato (altro…)

Read More...

Mobile Sliding Menu