LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

Cosenza. Al Morelli la nuova produzione di Scena Verticale

2 min read
Cosenza. Al Morelli la nuova produzione di Scena Verticale

Stasera e domani, 26 e 27 dicembre, alle 20.30 al Teatro Morelli torna il consueto appuntamento con Scena Verticale che porta in scena, per la prima volta a Cosenza, il nuovo lavoro di Saverio La Ruina: “Mario e Saleh”

Ultimo appuntamento per la sezione More, finora incentrata sui progetti internazionali di residenza di Scena Verticale, con una data straordinaria che chiude il 2019 teatrale della Città di Cosenza.

Il progetto More è ideato dalla nota compagnia di Castrovillari in partenariato con il MiBACT, la Regione Calabria e il Comune di Cosenza.

Dopo aver debuttato all’interno di uno dei più grandi festival internazionali in Italia, il RomaEuropa Festival, “Mario e Saleh” arriva sulle tavole del Morelli per accompagnare gli spettatori in un viaggio intimo, quanto estremamente attuale, sulle diversità interreligiose. 

Lo Spettacolo

All’indomani di un terremoto, in una delle tende allestite nei luoghi del sisma, si ritrovano Mario (Saverio La Ruina), un occidentale cristiano, e Saleh (Chadli Aloui), un arabo musulmano. La relazione ravvicinata tra i due si evolve tra differenze e agnizioni. Eventi esterni e fatti concreti ribaltano le percezioni che hanno l’uno dell’altro. Le certezze che sembrano farsi strada si ridefiniscono continuamente alla luce di quanto accade tra di loro, sorprendendo loro per primi.

Più che addentrarsi in dispute religiose, lo spettacolo si concentra su fatti del quotidiano attraverso i quali misurare possibili conciliazioni e opposizioni. Oltre alle inevitabili differenze, che possono trovare pacificazione, irrompono avvenimenti dall’esterno che vanno a spezzare gli equilibri tra i due, ridefinendo via via le loro acquisizioni, in uno spiazzamento continuo delle loro certezze.

Incontrare musulmani, migranti e non, è stato come trovarsi di fronte a mondi dentro un mondo più grande, dove tanti islam si inseguono, si differenziano e anche si oppongono fra di loro.

Un argomento che richiede un approccio delicato, dato che scalda gli animi con una virulenza che lascia interdetti e a volte impotenti.