LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

Covid, De Nardo (Fimmg CZ): sottoscritto l’Accordo Integrativo Regionale

2 min read
Dott. Gennaro De Nardo

Il segretario generale della Fimmg Catanzaro Gennaro De Nardo comunica che “è stato sottoscritto l’Accordo Integrativo Regionale che regolamenta la partecipazione dei Medici di Medicina Generale alla esecuzione dei tamponi”

Comunicato Stampa

In sintesi ne enuncia i contenuti. “I tamponi – aggiunge – saranno effettuati dal ‘sistema della medicina generale’ tutelando le colleghe in gravidanza, i colleghi in condizioni di fragilità o con patologie croniche. Pertanto, nell’ambito delle associazioni, ci sarà una condizione di sussidiarietà solidale, per l’esecuzione dei tamponi”.

“Si precisa che in assenza di medici di famiglia disponibili, i tamponi – spiega il segretario provinciale – saranno effettuati da medici di continuità assistenziale su base volontaria. Inoltre, nel caso in cui non saranno fruibili i singoli studi medici, il distretto garantirà i locali ed il personale di supporto per effettuare i tamponi.  Al riguardo, auspico un immediato intervento dell’azienda per designare i siti dove i medici di medicina generale possono eseguire i tamponi”. “L’Accordo Integrativo Regionale – prosegue il dott. De Nardo – prevede anche la riorganizzazione della rete territoriale in AFT e UCCP.  Nelle sedi delle AFT e UCCP, sarà distribuita la diagnostica strumentale di primo livello. A breve, infine, sarà elaborato il progetto per il monitoraggio delle patologie croniche”.

Non manca una precisazione del segretario provinciale De Nardo sull’utilizzo dei test antigenici, alla stregua di quanto sancito in un protocollo elaborato dalla Fimmg Nazionale. “I tamponi rapidi ‘antigenici’ – asserisce – possono essere utili in determinati contesti. Questi possono essere il tracciamento dei contatti di casi positivi o lo screening rapido di numerose persone. I test vengono effettuati dai Medici di Medicina Generale nei casi appena indicati, in quanto la loro dotazione presso gli studi non è illimitata”.

“La Fimmg e i suoi iscritti – puntualizza De Nardo – sono ancora una volta in prima linea a tutela della salute pubblica, in questa dura battaglia contro un virus che sta dimostrando tutta la sua pervasività”.