LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

Covid, nuova stretta: verso limitazioni per gli eventi di massa

2 min read
milano coronavirus mascherine

Sarebbe questa, secondo quanto si apprende, una delle prime indicazioni al governo da parte degli esperti e degli scienziati del Comitato tecnico scientifico dopo l’impennata dei contagi da Covid

Spettacoli all’aperto, eventi sportivi, fiere e appuntamenti che prevedono la partecipazione di migliaia di persone – sabato ad esempio è prevista a Roma una manifestazione dei negazionisti e domenica è in programma la Marcia della Pace dove sono attese 25mila persone – dovrebbero dunque essere limitati.

“C’è una forte preoccupazione – viene sottolineato – tutti gli eventi che prevedono aggregazione di persone vanno rimodulati”.

Nuova impennata dei contagi da coronavirus in Italia. Nelle ultime 24 ore i positivi sono aumentati di 4.458 con 22 morti. Lo si apprende dai dati diffusi dal Ministero della Salute.

“Considero fondamentale il lavoro con le Regioni con cui c’è massima collaborazione. L’epidemia richiede risposta unitaria delle istituzioni. Se abbiamo piegato la curva in primavera è anche grazie a questo”. Così il ministro della Salute, Roberto Speranza a latere della firma del contratto sulla sanità privata.

“Noi non abbiamo i numeri di altri paesi europei ma da nove settimane ormai i nostri numeri crescono e cresceranno ancora, questa è la nostra aspettativa in linea con quello che sta accadendo a livello europeo”, dichiara Speranza, parlando dei dati sulla diffusione dell’epidemia di Covid-19 all’EY Capri Digital Summit “A New Brave World”.

“Abbiamo bisogno – dice Speranza – che le misure adottato a partire dall’uso delle mascherina, dal lavarsi le mani ed evitare assembramenti siano rispettate in maniera molto molto molto puntuale”.

“È il momento secondo me – aggiunge il ministro – di alzare il livello di attenzione, alzare il livello di guardia e anche recuperare quello spirito di sinergia, di unità nazionale, di grande coordinamento che ci ha accompagnati nei giorni più difficili”.