Crotone: scoperta carrozzeria abusiva, senza autorizzazioni e sconosciuta al fisco

In Cronaca, Ultime notizie On
- Updated
scoperta carrozzeria abusiva-LameziaTermeit

Sanzioni fino a 15.000 euro

Comunicato stampa:

Nell’ambito del rafforzamento straordinario del dispositivo di sicurezza economico – finanziario volto principalmente alla prevenzione ed al contrasto dell’abusivismo commerciale e della contraffazione, i finanzieri della Compagnia di Crotone hanno scoperto, a Cerenzia (KR), una carrozzeria operante in maniera totalmente abusiva, senza alcuna autorizzazione amministrativa.

L’opificio, inoltre, è risultato privo delle necessarie autorizzazioni in materia ambientale afferenti agli scarichi delle acque reflue ed emissione di fumi in atmosfera. Per tali aspetti le Fiamme Gialle pitagoriche hanno provveduto al sequestro penale di tutte le attrezzature presenti nell’officina – ponte sollevatore, compressori, attrezzi meccanici vari, materiale per la verniciatura delle auto – ed alla denuncia alla locale Procura della Repubblica di un responsabile per le gravi violazioni normative poste a tutela dell’ambiente.

Inoltre, poiché l’attività posta in essere dal soggetto controllato è risultata essere completamente sconosciuta al fisco, in quanto l’esercente è risultato sprovvisto di partita IVA, i finanzieri hanno intrapreso idonea attività ispettiva per l’accertamento della connessa evasione fiscale, provvedendo, altresì, ad elevare a carico dell’autore dell’illecito specifica violazione amministrativa che prevede una sanzione fino a 15.000 euro.

L’azione di servizio conferma, ancora una volta, il costante presidio e controllo economico attutato sul territorio dalla guardia di finanza a difesa della legalità, volto a contrastare le frodi in tutte le sue forme e, nel caso di specie, soprattutto a tutela e beneficio degli esercenti attività economiche di ogni genere, che operano invece nel pieno rispetto delle regole fiscali, della concorrenza e del mercato, oltre che della sicurezza dei privati consumatori.

Articoli Correlati

coronavirus

Coronavirus in Italia: la prima vittima è un uomo di 78 anni. Una ventina i casi di positivi al virus

Arriva, anche in Italia, il primo morto per il Coronavirus. Adriano Trevisan, di 78 anni, è deceduto all'ospedale di

Read More...
Coronavirus: un caso sospetto anche in Calabria

Coronavirus: le risposte ai dubbi più frequenti su prevenzione e trasmissione

I coronavirus (CoV) sono un’ampia famiglia di virus respiratori che possono causare malattie da lievi a moderate, dal comune

Read More...
Carabinieri

Rende (CS). Minorenne gay insultata, denuncia ai Carabinieri

Episodio accaduto sul pullman in provincia di Cosenza (altro…)

Read More...

Mobile Sliding Menu