Dalla gloria all’oblio: il nazional-fascista Maurizio Maraviglia

In StoriaPop, Ultime notizie On
- Updated
Maurizio Maraviglia-LameziaTermeit

Nacque a Paola (CS) il 15 gennaio 1878 da Pietro e Emilia Miceli, in una delle famiglie più ricche e facoltose del cosentino.

Compiuti gli studi classici a Napoli e conseguita la laurea in giurisprudenza a Roma, in questo periodo milita inizialmente nel movimento socialista, poi nel sindacalismo rivoluzionario e dal 1909 nel Movimento nazionalista di Enrico Corradini, dove ben presto ne diverrà uno dei più influenti dirigenti tanto che sarà fra coloro che caldeggeranno la sua trasformazione da movimento in partito (Firenze, 1910), condizionando il dibattito politico interno attraverso la direzione del suo giornale ufficiale, L’Idea Nazionale.

Divenuto dunque un feroce antisocialista e antidemocratico, farà di tutto per far espellere dal partito la componente moderata e irredentista nel 1911.

La Grande guerra e il fascismo

Con lo scoppio della Grande guerra (1915-1918), divenne un deciso interventista e si arruolò da volontario, riportando due ferite che gli fecero guadagnare la Croce di guerra.

Congedato nel 1918, il suo antisocialismo divenne rabbioso antibolscevismo.

Con simpatia vide dunque la fondazione dei Fasci di Combattimento da parte dell’ex socialista Benito Mussolini nel 1919 e ne caldeggiò prima la collaborazione e, dopo la marcia su Roma (1922), la fusione del partito nazionalista nel PNF (1923). Divenuto membro di spicco del partito fascista, contribuì alla elaborazione della legge Acerbo (1923) e della Carta del Lavoro (1926). Il suo potere personale crebbe senza sosta, rivestendo ruoli importanti quali la presidenza di enti nazionali importanti come l’Ente degli istituti Autarchici e soprattutto quello della Società anonima bonifiche calabresi, per mezzo del quale, in accordo col politico lametino Salvatore Renda fece prosciugare le paludi malsane che infestavano da secoli la Piana di Santa Eufemia Lamezia. A ciò si deve sommare l’attività di direttore del giornale La Tribuna, nonché la docenza nelle università di Perugia prima e di Roma poi delle cattedre di Storia e dottrina generale del fascismo e di Diritto Pubblico.

Candidato nel Listone Nazionale in Calabria, sarà deputato dal 1924 fino al 1939, quando poi sarà nominato senatore del Regno. In questi anni sarà, assieme ai corregionali Michele Bianchi, Luigi Razza e Antonio Lanzillo uno dei più stretti referenti del fascismo calabrese presso Mussolini.

Maurizio Maraviglia-LameziaTermeit

Il declino politico e la morte

La sua rovina politica sarà la scoperta del suo coinvolgimento nello scandalo prodotto nella sua decennale gestione (1924-1934) poco oculata della Società anonima bonifiche calabresi, che comportarono il crac economico della banca del Sud, mentre lui si era arricchito in maniera spropositata. Ciò lo mise in cattiva luce agli occhi del duce.

Con il crollo del regime fascista (1943), Maraviglia sarà fatto prigioniero dagli Alleati e deferito per i suoi stretti legami col defunto regime all’Alta corte di giustizia, la quale però gli renderà la libertà nel 1948.

Ritiratosi a vita privata, morirà a Roma il 26 maggio 1955.

Matteo Scalise

Articoli Correlati

incendio doloso al castello di Roccella-LameziaTermeit

Roccella Ionica, vasto incendio distrugge parco del castello

Le fiamme, secondo primi accertamenti, sarebbero di natura dolosa (altro…)

Read More...

Lamezia, in fiamme un’auto per via di un guasto

L'auto, parcheggiata, ha preso fuoco nel primo pomeriggio nell'ex comune di Sant'Eufemia. I vigili del fuoco hanno domato tempestivamente

Read More...

Quante occasioni perse

Occasioni perse! Parole inascoltate, sguardi sfuggiti, incontri mancati! La vita di ognuno è piena di questi rimpiant! Ma la strada

Read More...

Mobile Sliding Menu