LameziaTerme.it

Il giornale della tua città



De Magistris a Lamezia: voto di ottobre sarà referendum tra libertà e ricatto

2 min read
De Magistris a Lamezia: voto di ottobre sarà referendum tra libertà e ricatto

Passeggiata a Lamezia per Luigi De Magistris e Rosario Piccioni


Comunicato Stampa

Passeggiata in centro a Lamezia Terme per Luigi De Magistris, candidato alla presidenza della Regione Calabria, insieme al candidato al consiglio regionale Rosario Piccioni, a un gruppo di esponenti di “Lamezia Bene Comune” e a diversi cittadini.

Da corso Giovanni Nicotera a Corso Numistrano, fino all’inizio di Via Garibaldi alla statua di Federico II da dove si intravede il castello normanno-svevo, Luigi De Magistris ha conversato amichevolmente con i cittadini ribadendo che “il voto del 3 e 4 ottobre sarà un referendum in cui i cittadini calabresi potranno scegliere no tra centrodestra e centrosinistra, ma tra un sistema di potere che da decenni ha rovinato la Calabria e una proposta politica di rottura, tra il condizionamento e la libertà, tra il ricatto e il riscatto.

Questa è solo la prima di ulteriori iniziative qui a Lamezia che è un centro nevralgico per la Calabria; anche per questo la candidatura di una figura di qualità e spessore politico come Rosario Piccioni è fondamentale per questo territorio”.

De Magistris a Lamezia: voto di ottobre sarà referendum tra libertà e ricatto

Rosario Piccioni ha ribadito la scelta chiara del movimento “Lamezia Bene Comune” per una proposta politica credibile e autorevole rappresentata da De Magistris che incarna quel rinnovamento radicale di cui la Calabria ha urgente bisogno.

Piccioni si è soffermato sui roghi che stanno bruciando vaste parti del territorio calabrese, in particolare l’incendio che sta devastando un’intera zona del Reventino da giorni, rispetto ai quali Luigi De Magistris ha ribadito con forza la sollecitazione al Capo del dipartimento di Protezione Civile Nazionale a fare presto attivando forze da tutto il territorio nazionale per domare le fiamme che stanno devastando il patrimonio ambientale, naturalistico e agricolo calabrese.

Click to Hide Advanced Floating Content