D’Ippolito (M5S): emendamento Nesci ha tagliato i tentacoli della politica dalla sanità

In Politica On
Giuseppe d'Ippolito

Abbiamo levato la discrezionalità della politica nella nomina dei direttori generali delle Aziende dei Servizi sanitari regionali, nonostante l’astensione della Lega e l’ostinato dissenso del Pd e di Forza Italia, che straparlano di riforme ma poi tremano quando bisogna passare ai fatti

Lo afferma, in una nota, il deputato M5S Giuseppe d’Ippolito, in relazione all’emendamento della deputata 5 Stelle Dalila Nesci, della commissione Sanità, con cui, spiega lo stesso D’Ippolito, «è stato, per la prima volta in Italia, introdotto un meccanismo di individuazione dei manager nominabili basato sul merito e non sull’appartenenza o sulla vicinanza a un partito politico».

«Si tratta – prosegue il parlamentare – di un’innovazione a lungo attesa dai cittadini, stanchi di subire, soprattutto nelle regioni meno organizzate, la prevaricazione della politica e l’utilizzo della sanità come strumento di consenso elettorale e clientele di partito. Nello specifico mi faccio meraviglia – continua l’esponente M5S – dell’accusa di incostituzionalità mossa dal deputato del Pd Antonio Viscomi all’emendamento in questione, benché esso lasci ai presidenti delle Regioni il potere di nomina dei direttori generali delle Aziende sanitarie e ospedaliere. La novità, che non contrasta affatto con la Costituzione, è che tali manager non saranno più scelti sulla base della loro utilità al potere politico, ma verranno selezionati soltanto sulla scorta delle loro competenze e capacità».

«Credo – conclude D’Ippolito – che il voto su questo emendamento abbia mostrato, al di là di ogni ragionevole dubbio, che il Movimento 5 Stelle è contrario al controllo politico della sanità, mentre le opposizioni, che stavolta hanno perso in maniera clamorosa, sono favorevoli alla politicizzazione della tutela della salute, il che è inaccettabile. Soprattutto i malati e i sanitari calabresi, storiche vittime di una pessima gestione sanitaria, ne terranno conto alle urne».

Articoli Correlati

Lamezia. Schiaffi e insulti agli alunni: i Carabinieri arrestano insegnante

Atteggiamenti “scomposti”. Sono stati definiti inizialmente così, da alcuni genitori, i comportamenti di un insegnante nei confronti dei piccoli

Read More...
Diocesi di Lamezia: speso più di tutti per restaurare le chiese negli ultimi dieci anni

Vicinanza della Chiesa lametina alle vittime e alle famiglie

Siamo costernati e indignati per la vicenda che ha riguardato un insegnante di religione di una scuola della nostra

Read More...
pier nicola dadone

Crotone. Cambio al vertice al Comando dei Vigili del Fuoco

Con provvedimento del Ministero dell’Interno del 7 maggio u.s. l’ing. Antonino Casella, 1° Dirigente del Corpo Nazionale dei Vigili

Read More...

Mobile Sliding Menu